sabato 30 luglio 2011

LA TERRAZZA SUL LAGO

(Lakeview Terrace, di Neil LaBute, 2008)

Serata svogliata, e dire che stanotte ho dormito un sacco e stamattina mi sentivo fresco e riposato. Sono bastate le otto ore di lavoro per demolirmi moralmente e mentalmente se non proprio fisicamente. Sono arrivato a casa tardi, ho mangiato un toast e una mela e non avevo voglia di fare niente. Neanche di leggere che per me è molto preoccupante. Non avevo voglia di film fracassoni e volevo assolutamente stare lontano dai cartoni animati almeno per qualche giorno.
Su DVD avevo questo La terrazza sul lago con Samuel L. Jackson e così è andata.
Film perfetto per una serata fiacca. Un impianto da thriller ma senza sorprese e assente da grandi colpi di scena, plot sfruttato già una marea di volte e, signor Jackson a parte, nessuna grande star a riempire il video.

Una coppia giovane, bianco lui nera lei, prende possesso della nuova casa sulle colline di Los Angeles, villa con piscina, quartiere all’apparenza tranquillo e pacifico.
Come vicino di casa il nostro Samuel, agente della polizia di L. A., vedovo con due figli a carico. Cosa si può chiedere di più?
Passerà però poco tempo prima che la coppia interrazziale si accorga di non essere troppo simpatica al tutore dell’ordine, un nero razzista che disapprova le unioni miste e una serie di altre cose.

Sviluppo canonico che potete intuire da voi, piccoli screzi, dispetti e disapprovazione fino ad arrivare alla vera e propria intimidazione in un crescendo tutto sommato molto prevedibile. Gli interpreti portano a casa la sufficienza senza doversi sforzare poi troppo, il film scivola via senza infamia e senza lode. Jackson è come al solito credibile, è bravo e non lo scopriamo certo adesso e comunque ha fatto di meglio, la giovane coppia è interpretata da Patrick Wilson e Kerry Washington.

Due i punti di interesse. L'accento posto sul razzismo da parte dell'agente di colore verso la coppia mista, schema ribaltato rispetto al clichè ma sicuramente non nuovo, e il mistero del titolo scelto per la pellicola. Infatti nel film non c'è neanche l'ombra del lago citato. Informatomi in rete ho scoperto che la Lakeview Terrace del titolo originale, che perde quindi ogni riferimento in italiano, è la zona dove avvenne il brutale pestaggio di Rodney King che portò alle ben note conseguenze. Il regista con la scelta del titolo probabilmente voleva sottolineare le tematiche presenti nel film.
Insomma, abbiamo visto di meglio.

4 commenti:

  1. Sono bastate le otto ore di lavoro per demolirmi moralmente e mentalmente se non proprio fisicamente.
    Io sinceramente non so se ce la farei a lavorare lì dentro 8 ore tutti i giorni. Non farti demolire moralmente! Stare su di morale è fondamentale per affrontare la vita quotidiana, lo sto comprendendo appieno proprio in questo periodo :-)
    Io ultimamente soffro di insonnia. Ieri sera ero talmente stanca che sono andata a dormire alle 21. Ho dormito bene fino alle 3. A quest'ora sono già qui :-)
    Riguardo al film, secondo me hanno fatto una cazzata a intitolarlo in italiano "LA TERRAZZA SUL LAGO".
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. In effetti il titolo perde la sua connotazione originaria. Oggi va meglio.

    RispondiElimina
  3. salve, ieri avevo visto questo film sul cielo, ma loro hanno fatto uno svaglio e grosso, hanno messo la pubblicità, dopo hanno messo la stessa scena di prima, e dopo finito!1 non posso sapere come finisce, mi potrsiti aiutare? grazie, al menos apere se la coppia rimagnono insieme, e si Salueml la paga, e pensare che anche fra di noi, i neri abbiamo questi problemi di razismo. ( anch'ìo sono una coppia mista, una nera con mio marito un bianco) baci e grazie

    RispondiElimina
  4. Ciao e benvenuta da queste parti.

    A questo indirizzo puoi guardarti il film su internet:

    http://www.megavideo.com/?d=EPGHUHNZ

    Nel caso avessi problemi a farlo dimmelo e ti svelerò il finale.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...