martedì 28 agosto 2012

FANTASTIC MR. FOX

(di Wes Anderson, 2009)

Ancora una storia familiare per il regista Wes Anderson. Dopo I Tenenbaum e i fratelli Whitman de Il treno per il Darjeeling è la volta di misurarsi con l'animazione e con l'ennesima famiglia strampalata con tanto di amici al seguito.

A mio modesto parere Anderson non delude nemmeno questa volta, prende la storia scritta da Roald Dahl, noto scrittore di libri per ragazzi, e ne tira fuori un bel film d'animazione forse più adatto agli adulti che non ai bambini, non tanto per la storia in sé quanto per alcune trovate umoristiche più alla portata dei grandi che non dei piccini.

I personaggi sono ben tratteggiati: un Mr Fox che non riesce a rinunciare al suo lato selvatico nonostante sia ormai un padre di famiglia con delle responsabilità, oneri che si accolla la moglie Felicity, volpe con la testa ben piantata sulle spalle. Insicuro di sè il piccolo Ash che cerca continuamente l'apprezzamento del padre che ha un debole invece per il cugino Kristofferson, il tipico ragazzo al quale riesce tutto bene.

Sono passati due anni da quando Mr Fox ha promesso alla sua mogliettina che non si sarebbe più ficcato nei guai per andare a caccia di galline. Ora il capofamiglia scrive per un giornale e decide di far trasferire i suoi dalla loro tana a un bell'appartamento in un albero. Il trasferimento avviene nonostante il parere contrario dell'avvocato Badger (un tasso) preoccupato per la presenza in zona di tre temibili allevatori: Boggins, Bunce e Bean.

Il lato selvatico del protagonista non tarderà a rifarsi vivo, troppo forte la tentazione di andare a rompere le uova nel paniere dei tre temibili contadini. Purtroppo le ritorsioni saranno pesanti e delle imprese di Fox sconteranno le conseguenze i ragazzi e in generale tutta la comunità.

La tecnica a passo uno e l'attenzione del regista per quello che l'occhio dello spettatore vedrà sulla pellicola, insieme alla scelta delle musiche per la colonna sonora, rendono più che godibile questo esordio nell'animazione. Il particolare senso dell'umorismo di Anderson traspare anche in questa pellicola e le dona quel tocco stralunato che non guasta.

Un prodotto "diverso" come lo sono solitamente i protagonisti dei film del regista, un'alternativa all'animazione più consueta alla quale dare una possibilità. Se poi vi son piaciuti gli altri film del regista non potete farvelo scappare.

3 commenti:

  1. Concordo in pieno.
    Un film sorprendente ed intelligentissimo, da recuperare assolutamente.

    RispondiElimina
  2. molto carino, fantastic mr. anderson in gran forma, adesso staremo a vedere come sarà il suo prossimo moonrise kingdom...

    RispondiElimina
  3. Ragazzi, ragazzi... ancora una volta d'accordo. E' quasi un idillio il vostro ormai :)

    RispondiElimina