mercoledì 27 marzo 2013

DR. STRANGE

Da un po' di tempo a questa parte le novità che aspetto con maggiore curiosità in casa Panini Comics sono quelle legate alle uscite di Marvel Collection, Marvel Collection Special e Marvel Saga. Tutte e tre le collane presentano ristampe di storie anni '60 e '70 (con qualche puntatina negli '80 per Marvel Saga) dei principali eroi Marvel con un occhio di riguardo per quel che riguarda L'uomo Ragno su Marvel Saga e personaggi a rotazione sulle altre due testate.

Una delle ultime idee in casa Panini è stata quella di dare spazio anche a ristampe di episodi storici con protagonisti eroi meno popolari, conosciuti ovviamente dai Marvel-fan di vecchia data ma meno noti al grande pubblico. Abbiamo così potuto ammirare le prime avventure del Ghost Rider, a breve ci sarà la possibilità di conoscere lo strano gruppo dei Campioni e proprio in questi mesi salgono alla ribaltà le prime avventure del Dr. Strange.

Il primo volume dedicato al maestro delle arti mistiche contiene la ristampa dei numeri 110, 111 e dal 114 al128 della collana Strange Tales sulle cui pagine esordì, nel luglio del 1963, il Dottor Stephen Strange. Essendo all'epoca Strange Tales una collana antologica che presentava diverse storie in ogni numero, le avventure del Dr. Strange erano molto brevi, cinque pagine nei primi episodi portate poi a dieci nei numeri seguenti alla luce del buon riscontro ottenuto dal personaggio.

I nomi coinvolti in questa serie sono di quelli storici: il sorridente Stan Lee ai testi e Steve Ditko alle matite, lo stesso team creativo che diede i natali l'anno precedente all'Uomo Ragno. Ci troviamo di fronte a un personaggio atipico rispetto allo standard dell'eroe Marvel, un signore elegante, segaligno, non così giovane, definito maestro della magia nera e votato ad avventure dove lo scontro con l'avversario non si risolve sul piano della bruta forza fisica ma su quello della scaltrezza e del sovrannaturale.

Fin dalle prime avventure vengono messi in tavola alcuni degli elementi che caratterizzeranno la storia del personaggio come la capacità di scindere corpo e spirito, quella di accedere a dimensioni diverse come quella del sogno e l'ausilio di oggetti mistici dall'enorme potere. Vengono introdotti da subito anche alleati ed avversari ricorrenti come L'Antico, maestro del Dr. Strange, Incubo, Dormammu e il Barone Mordo. Non mancano neanche le differenze con il personaggio che i fan del moderno universo Marvel conoscono, prima tra tutte la mancanza della cappa della levitazione che caratterizza graficamente il personaggio e che qui comparirà solo nell'ultimo numero del volume, andando a sostituire un look più oscuro dominato dai toni blu con uno più lisergico comprendente anche rosso e giallo. Le atmosfere delle primissime storie del Dr. Strange mi sembra che abbiano infatti influenze più Lovecraftiane che psichedeliche, riferimento quest'ultimo che spesso si spende parlando delle tavole di Ditko e che presumibilmente troverà maggiore conferma negli episodi a venire.

Lo schema alla base delle trame sembra a volte ripetitivo, probabilmente anche a causa della breve durata delle storie, impressione rafforzata dal frequente ripresentarsi delle stesse nemesi e delle stesse minacce, nella fattispecie gli attacchi portati all'Antico dal Barone Mordo o le incursioni di Incubo. Ciò nonostante è innegabile il fascino esercitato da queste vecchie storie con protagonista un eroe meno abusato di tanti altri e costellate di invenzioni grafiche che ben rendono l'ultraterreno nonostante le tavole non siano probabilmente tra le migliori realizzate da Ditko.

Ne esce un volume a mio avviso prezioso e godibile, che contiene tra l'altro l'episodio dove vengono narrate le immancabili origini del personaggio. Ora il mio cruccio è questo: per tanti anni la Panini è stata restia a ristampare storie provenienti dai decenni passati. C'è voluta la sana competizione per aprire le porte a questo tipo di interessanti iniziative che fino a qualche anno fa sembravano irrealizzabili. Ma di materiale in archivio ce n'è veramente tanto e non parlo solo di supereroi, noti o meno che siano. Senza andar lontano, e se si pensasse a ristampare qualche volume di Strange Tales? Magari così come erano pensati in origine, comprendendo le storie di personaggi noti ancor oggi ma anche quelle aventi per protagonisti gente comune o eroi ormai scomparsi. Dite che sarebbe possibile? A me non dispiacerebbe affatto.


Questo articolo è pubblicato anche sul blog Fumettopènia.

8 commenti:

  1. ..questo Dr. Strange non lo ricordo proprio..strano che non sia stato tirato fuori anche successivamente per qualche film o simili..
    Come sempre, sai che faccio caso ai colori..e questi mi piacciono :)
    Volevo dirti che lunedì c'è stato il primo incontro tra me e Zerocalcare..non ho ancora cominciato a leggerlo..ma l'ho sfogliato, l'ho annusato, l'ho toccato, e ti dirò che ne sono rimasta totalmente affascinata..l'impatto è stato assolutamente positivo ! Naturalmente ti farò sapere cosa ne penso del contenuto..ma ho come la sensazione che mi piacerà anche quello :)
    Buona giornata e grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto commenti su Zerocalcare allora. Come ha già scritto Gennaro più in basso è allo studio un film con protagonista il buon Dr. Strange. Vedremo....

      Elimina
  2. Non ho mai seguito troppo le vicende del signore delle arti mistiche.
    Ma voglio comunque lasciare un contributo al tuo post con QUESTO bel cosplayer del Doc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello il costume... ma è ritoccato solo lo sfondo o anche gli abiti hanno subito qualche aggiustamento secondo te?

      Elimina
  3. Non forrei Tire ein Kazzata, ma ze non erro und Film su Tottore Strance, è prossimo procetto MARFEL...oggi me so svegliato così: elvetico - pezzo on line Dariuccio bello.

    RispondiElimina
  4. Rispondo alla tua ultima domanda: No, non mi sembra possibile. Mi sembra di aver capito infatti che, ristampe si, ma non a caso. L'intero progetto ristampa (si, nato per fare concorrenza nel settore alla defunta Planeta, che prima la Panini non se li cagava di pezza i recuperi d'annata), porta avanti solo i personaggi di testata principali. E infatti già Dottor Strange è un mezzo miracolo :)

    Però sai, con l'intento di variare il più possibile, di materiale ce n'è tanto, ma non è che puoi tirar fuori dal cappello troppi conigli.

    Comunque sia onore e merito alla Panini per questa iniziativa che sta andando avanti a dispetto del tempo che è già passato. A parte quelle cosucce tipo "adesso inizio la ristampa delle storie di Capitan America, poi in mezzo ti piazzo un Marvel Masterworks con il continuo di quelle storie e uno con quelle che tu ai letto già nei 4 Marvel Collection e poi ti piazzo altri 4 Marvel Collection e lo chiamo Capitan America 2 che però non è proprio il 2 perché di mezzo ci sono state quelle storie là che ho piazzato solo sul Marvel Masterwors".

    Non so se mi sono spiegato a modo e maniera.

    Nonostante questo, a me continua ad andare bene, eh.

    P.S.: Questa settimana esce il primo dei due volumi special con I Campioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me va bene così, complimenti alla Panini per questi prodotti. Certo che l'alternanza (più o meno) con i Masterworks, non va giù tanto neanche a me. Avrei preferito una gestione più filologica dei personaggi come succedeva per Spider-Man Collection ad esempio. In più questi volumi li preferisco ai Masterworks per la carta, quella lucida non mi piace, invece sui Collection la resa mi sembra molto buona. Mi piacciono anche per il prezzo ma questo è un altro discorso.

      Anche io credo sia improbabile una ristampa di Strange Tales o cose simili però fino a qualche anno fa avrei reputato impossibile anche l'uscita di questo volume. Chissà.

      Elimina