mercoledì 10 aprile 2013

PARANOID PARK

(di Gus Van Sant, 2007)

Film glaciale questo di Gus Van Sant, davanti all'obiettivo del regista, come già successo in Elephant, ancora una volta adolescenti e disagio. In questo caso un adolescente, Alex (Gabe Nevins).

Seppur scandito da una tragedia, l'incedere di Paranoid Park si differenzia parecchio da quello di Elephant nonostante alcuni elementi fondamentali siano comuni ad entrambi i film del regista. La violenza gratuita e ingiustificata perpetrata dai ragazzi protagonisti di Elephant ai danni dei loro compagni di scuola è assente in questo film di Van Sant, qui un disagio di fondo collide solo accidentalmente con la tragedia. Ad essere nuovamente sotto esame sono l'assenza di emozioni, di felicità e la gestione di questa assenza riflessa nei rapporti umani e nelle situazioni, le più difficili, che la vita può presentarti. Proprio da uno scossone a volte possono nascere crescite e cambiamenti, riflessioni e aperture.

Alex è un adolescente di Portland con una coppia di genitori in crisi che stanno per separarsi, un fratello più piccolo, una ragazza davvero carina e la passione per lo skate che condivide con l'amico Jared (Jake Miller). Un giorno i due ragazzi si organizzano per andare a Paranoid Park, luogo di ritrovo di skaters ed emarginati di varia natura. Un posto dove si può assaporare aria di libertà ma anche un luogo fuori dagli schemi, quelli sicuri della quotidianità. Proprio da qui, a causa di qualcosa che da qui prende il via, si innescherà per Alex una fase di cambiamento, di lotta interiore che potrebbe infine scacciare anche l'apatia e far trovare al protagonista una sorta di rinascita che ai ragazzi di Elephant era stata negata.

La messa in scena di Van Sant è molto fredda, supportata dalla scelta dei colori e delle immagini, spesso dalla musica e dai rumori di sottofondo in particolar modo nelle scene ambientate sulle rampe di Paranoid Park. Eppure qualche sprazzo di vitalità c'è, anche in quei corridoi della scuola dai quali ormai ci aspettiamo il peggio proprio grazie alle sequenze dell'altro film del regista, quello dove la speranza era totalmente bandita. Le scelte di stile sono funzionali alla storia e ai contenuti, un distacco emotivo coinvolge anche lo spettatore che fà difficoltà a entrare in contatto con il protagonista. Forse in questo caso è anche giusto così. Ancora una volta non c'è da stare allegri, ma se volete vedere il bicchiere mezzo pieno questa volta Van Sant vi dà la possibilità di farlo.

E' una scelta personale, etica se vogliamo, su cosa è giusto e cosa no, sul valore di una vita spezzata, sul valore di una possibilità di redenzione, sul futuro negato e su quello nuovo, appena ottenuto. Sono i primi piani stretti a comunicare i dilemmi, la tensione interiore di Alex, i sentimenti poco esposti sui quali però non si può far a meno di riflettere.

12 commenti:

  1. Per me un capolavoro ! Van Sant al suo meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuto anche se l'ho apprezzato più di testa che non di cuore o di pancia e solitamente preferisco queste ultime sensazioni. Comunque Van Sant l'ho sempre apprezzato pur non avendo visto moltissimo eccezion fatta forse per Cowgirl, davvero fuori!

      Elimina
  2. Mi considero veramente un'incompetente, perchè non sono riuscito a vederlo finire...
    Chiedo umilmente scusa....

    RispondiElimina
  3. Questo film mi manca..la trama è molto interessante..devo assolutamente recuperare :) E spero di riuscire a vederlo fino alla fine..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dura 85 minuti, vedete cosa riuscite a fare :)

      Elimina
  4. Il mio migliore amico mi odia da quando l'ho portato al cinema a vederlo, per me è un gran film con un gran e maturo Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra esagerato :) Effettivamente è un film che potrebbe non piacere a tutti, magari non coinvolgerti emotivamente come fanno altre pellicole (magari più ruffiane) ma da qui ad odiarti... la prossima volta portalo a vedere un cinepanettone così impara :)

      Elimina
  5. Io lo bollai come inguardabile. Assime ad altre quattro perle, QUI.
    Stamattina ho letto la tua recensione, e sono andato a rileggere la mia.
    Restando freddo come il protagonista, afasico e apatico, senza riuscire a risvegliare alcuna emozione in me (la noia non può essere definita tale, credo).
    Magari un giorno cambierò idea, chissà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti avevo risposto su questo e su Collateral in coda al tuo post ma il commento si è perso. Capisco il tuo punto di vista su Paranoid Park, effettivamente anche a me non ha suscitato coinvolgimenti emotivi particolari, proprio perché di emozioni ce ne sono poco e qui sta il dramma. Valutato sui contenuti invece l'ho apprezzato e anche le scelte di Van Sant, rapportate anche al lavoro precedente, hanno una specie di continuità logica. Un film per riflettere, dalla durata anche breve e quindi fuori dal rischio noia a mio parere. Non penso sia questione di cambiare idea ma di gusti, anche io preferisco un altro tipo di film, ma anche cose come questa danno delle soddisfazioni :)

      Però Collateral no, dai... :)

      Elimina
  6. Premetto che il mio amore per il regista può rendermi un pò meno obiettivo ma l'ho trovato gelidamente perfetto...

    Ciao Firma, ho anche io un blog di di cinema, www.stracinema.com, se ti va aggiungimi al blogroll che ti inserisco nei miei link amici che ho nella sezione info.

    Ciao e a rileggerci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dino, ti aggiungo più che volentieri :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...