venerdì 8 novembre 2013

ELMORE LEONARD - TUTTI I RACCONTI WESTERN

(The complete western stories di Elmore Leonard, 2004)

Il volume che raccoglie i racconti a tematica western scritti da Elmore Leonard è datato 2004. In realtà questa corposa raccolta copre un lasso di tempo che va dal 1951, anno d'uscita de La pista Apache, fino al 1994, anno in cui venne pubblicato l'ultimo racconto qui presente: Il ritorno dell'eroe. Come usava allora più che oggi, i trenta racconti di questa antologia furono pubblicati in origine su riviste letterarie, alcune dedite in particolar modo al genere western: Argosy, Dime Western Magazine, 10 story Western Magazine, etc...

Ammetto di essermi trovato spiazzato cercando di entrare nel giusto feeling con l'opera western di Leonard e davvero non riuscivo a capirne il perché. Ci ho pensato un po' sopra e infine mi sono fatto una mezza idea. Non avevo praticamente mai pensato al genere western in una forma slegata dall'immagine. Al massimo a qualche sua contaminazione con altri generi, mai a quello classico. Ad esempio il western per me è sempre stato cinema, è sempre stato fumetto. Nomi, volti, scenari, situazioni ben impressi nella mente. Il western è sempre stato Eastwood e Leone, è sempre stato Ford e Wayne, è sempre stato Bonelli Tex, è sempre stato Il mucchio e I magnifici sette, ma se volete anche Django Unchained o Ritorno al futuro parte III. E' sempre stato immagine, spazi aperti, polvere, magnifiche formazioni rocciose e deserto, cavalli e pistole. E' sempre stato il suono delle revolverate e lo scalpiccio degli zoccoli.

Finora non è mai stato per me letteratura, non che io ricordi almeno. Certo, certo, L'uomo in nero fuggì nel deserto e il pistolero lo seguì. Ma siamo al di là del western, c'è di più, binari paralleli o secanti, come vi pare, oltre la tradizione. Ci sarà stato indubbiamente altro nella mia vita da lettore, ma non questo western, non il Western, almeno non credo. Così, alla veneranda età di quasi quarantenne, scopro la letteratura western grazie a questo signore classe 1925.

E la scopro anche bene, perché superato l'iniziale spaesamento queste 673 pagine me le sono davvero godute. Se vogliamo proprio trovare un difetto all'antologia è che per 673 pagine ci trovate solo western e se il genere non è nelle vostre corde il libro potrebbe anche non piacervi (ma non è detto). Non dubitando però della vostra scaltrezza sono sicuro che ai non amanti del genere non possa mai venire in mente di comprarsi un libro intitolato Tutti i racconti Western. Neanche fosse stato scritto dal vostro scrittore preferito. Beh, magari in quel caso potreste anche farci un pensierino sopra.

Per i lettori ai quali non compaiono sfoghi cutanei al solo udire la parola western la lettura è caldamente consigliata. In racconti mediamente brevi Leonard è capace di tratteggiare uomini più che vicende, di far maturare giovani soldati, di far riacquistare la dignità a uomini ormai persi, di far sbocciare amori e di far finire intere esistenze, così con un unico colpo secco. In fondo nel west andava così. C'erano grandi uomini e uomini vili, prepotenti e uomini giusti. C'erano donne a rendere più grandi uomini già di per loro non male. Una varietà di situazioni che hanno ispirato opere come I tre banditi o Quel treno per Yuma.

Una prosa scorrevole che accompagna il lettore pagina dopo pagina senza fatica alcuna, la dote della naturalezza propria del grande narratore. In altri scritti dell'autore non avevo avuto questa impressione, non era emersa la facilità con cui Leonard racconta una storia. Non che avessi letto molto altro dello scrittore, però quel poco non era a questi livelli, un problema più di contenuto probabilmente che non di forma.

Insomma, esiste anche la letteratura western, e non è niente male.

Questo post è dedicato con grande umiltà e riconoscenza a Elmore Leonard, purtroppo scomparso il 20 Agosto ultimo scorso.

8 commenti:

  1. Leonard per me è sinonimo di Scrittore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, già. Ora devo approfondire, in libreria ho almeno un paio di cartucce ancora da sparare :)

      Elimina
  2. Oh, alla fine tu sei riuscito. Io sai da quant'è che ho 'sto libro sul comodino? Comunque a me sotto mano sono capitati altri romanzi, anche moderni, di genere western. Il filone è abbastanza ricco. Anche da un punto di vista qualitativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tipo? Tipo? Che cosa? Che cosa? Ora sono come un bambino con il giocattolo nuovo :)

      Comunque qusto tomone ne vale la pena. Dagli una spolverata e inizialo, tanto son tutti racconti slegati, puoi anche intervallare con altro.

      Elimina
    2. Scusa, ho visto solo ora la tua richiesta. Posso citarti di sicuro cose come Trilogia della Frontiera di Cormac McCarthy, il Balla coi Lupi di Michael Blake (dal quale è tratto il film), Tramonto e Polvere di Joe Lansdale (anche se è ambientato negli anni '30), Arrivano i Sisters di Patrick DeWitt (che devo ancora leggere), Two for Texas di James Lee Burke. Poi negli anni '70 c'era quella meravigliosa collana della Longanesi, I Classici del West. Ho qualche numerino sparso e lì in mezzo ci sono cose sulle quali non avrei mai scommesso due lire. E invece…

      Difficili da trovare, oggi. Ma val la pena dargli un occhio. Li trovi QUI.

      Elimina
    3. Però, un sacco di roba e autori anche molto noti: di McCarthy sapevo, Burke lo associavo più al giallo/noir, Lansdale spero abbia contenuto il suo sbraco potenziale.

      non conoscevo invece l'esistenza della collana della Longanesi, bella nutrita.

      Grazie per le segnalazioni Luigi, a buon rendere ;)

      Elimina
  3. E c'è pure la serie tv, Justified, tratta dal personaggio del U.S. Marshal Raylan Givens, interpretato da Timothy Olyphant, basata sul racconto "Fire in the hole" [che non so se sia tradotto nella megaraccolta]. Sto finendo la prima stagione e mi piace, con Raylan Givens scanzonato, spaccone e dal grilletto facile, con un improbabile cappello da sceriffo in testa, circondato da bifolchi, cowboy, fuorilegge redenti e seguaci della Razza Ariana, in un Kentucky non proprio michelangiolesco, ma mooolto WhiteTrash&RedNeck.

    Quel Golione Di Zio Robbo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Olà Tio,
      di Justified mi sembra di aver letto qualcosa su film Tv, come taglio dovrebbe essere una serie abbastanza scanzonata se non erro. O erro?

      Fire in the hole non è presente in questa raccolta che contiene solo racconti molto brevi.

      Elimina