venerdì 31 gennaio 2014

ALTRI CINQUE LIBRI CHE...

Ecco altri cinque libri che...

Continua la carrellata sulle opere che non ho avuto modo di trattare in maniera approfondita e delle quali, a meno di una futura rilettura, difficilmente troverete un mio commento articolato su queste pagine virtuali. Sono libri che però vi consiglio caldamente per i più svariati motivi, perché divertenti, intriganti o semplicemente imperdibili. A voi approfondire con la lettura e scegliere in che categoria piazzare ognuno dei libri in questione. Ne avete letti? Vi sono piaciuti? Fatemi sapere. Vi hanno fatto schifo e pensate che io sia fuori di testa? Fatemi sapere lo stesso. Ecco la seconda cinquina che mi sento di consigliarvi, come l'altra volta autore, titolo e sinossi.


1) Richard Bachman - L'uomo in fuga
I giochi televisivi del XXI secolo sono agghiaccianti. Devono esserlo per distrarre la gente dall'orrore della realtà. Ben Richards lo sa. Eppure decide di partecipare al gioco più crudele di tutti: L'UOMO IN FUGA. Braccato da una squadra di killer, tenterà di sfuggire alla morte per un mese, in cambio di un montepremi che cresce di 100 dollari all'ora. Ben Richards è L'uomo in fuga che tiene l'America col fiato sospeso. E' l'eroe disperato e furibondo di un romanzo che non si dimentica.










2) Bret Easton Ellis - American psycho
Patrick Bateman è giovane, bello, ricco. Vive a Manhattan, lavora a Wall Street, e con i colleghi Timothy Price, David Van Patten e Craig McDermott frequenta i locali più alla moda, le palestre più esclusive e le toilette dove gira la miglior cocaina della città, discutendo di nuovi ristoranti, cameriere corpoduro ed eleganza maschile. Secondo Evelyn Richards, la sua giovane, bella e ricca fidanzata, Patrick Bateman è "il ragazzo della porta accanto". Ma la vita del protagonista di American Psycho è scandita da altre ossessioni. Riuscire a prenotare un tavolo al Dorsia, il carissimo ristorante frequentato dal suo idolo Donald Trump, ad esempio. Saperne di più sul misterioso portafoglio Fisher, gestito da quella volpe di Paul Owen. Restituire le videocassette prese a nolo, tra cui quella di Omicidio a luci rosse, affittata trentasette volte di seguito. E non perdere neppure una puntata del Patty Winters Show. Inoltre, quando le tenebre scendono su New York, Patrick Bateman, il ragazzo della porta accanto, si trasforma in un torturatore omicida, freddo, metodico, spietato. Al punto di incarnare l'orrore. Con American Psycho, romanzo insieme terribile e comico, Bret Easton Ellis ha scritto il libro che meglio racconta gli anni Ottanta. Un decennio che, ora lo sappiamo, non è stato semplicemente una parentesi, ma l'inizio di qualcosa. Così, questo viaggio senza ritorno nella follia e nella spersonalizzazione a base di immagini patinate e ultraviolenza non ci parla solo di un "eroe" e del suo tempo, ma finisce per rappresentare noi stessi e i nostri giorni. E anche quelli che verranno.



3) Giancarlo De Cataldo - Romanzo criminale
Roma, 1977. Un'organizzazione nascente, spietata e sanguinaria, dalla periferia della Capitale cerca la conquista del cielo. Tre giovani eroi maledetti, che hanno un sogno ingenuo, ambizioso e terribile. Attorno a loro un gruppo di delinquenti disposto a tutto pur di raggiungere gloria e ricchezza.
Un poliziotto coraggioso e deciso, un coro di malavitosi, giocatori d'azzardo, criminologi, giornalisti, giudici, cantanti, mafiosi, insieme a pezzi deviati del potere e terroristi neri. E il più esclusivo bordello in città. Un romanzo epico di straordinaria potenza che indaga il cuore occulto e tragico della storia d'Italia degli ultimi trent'anni mettendone a nudo i misteri e la violenza che li hanno caratterizzati.







4) Nick Hornby - Alta fedeltà
In una Londra irrequieta e vibrante, le avventure, gli amori, la passione per la musica, i sogni e le disillusioni di una generazione di trentenni ancora piena di voglia di vivere. Commovente, scanzonato, amaro ma soprattutto molto divertente, Alta fedeltà è il libro culto della nuova narrativa inglese, diventato un grande successo internazionale.













5) Irvine Welsh - Colla
1970, Edimburgo. Andrew, Billy, Carl e Terry si conoscono, bambini, tra i banchi di scuola e crescono nella Corea, uno dei più squallidi sobborghi della capitale scozzese.
1980. Ormai adolescenti, i quattro amici condividono le prime esperienze che "contano": le risse con gli hooligans, le sbornie violente, il sesso cattivo e la droga.
Negli anni Novanta si perdono di vista, prendono strade diverse: c'è chi diventa un pugile, chi un dj strafamoso e strafatto, chi un tossico disperato, chi un bullo spavaldo carico di alcol e di sesso.
Ma si ritrovano tutti - o quasi - all'alba del nuovo secolo, ormai quarantenni, sempre più ai margini della società, sempre più bruciati dalla vita, ma ancora straordinariamente amici.

9 commenti:

  1. ...per caso ti è giunta voce che ultimamente non riesco a trovare letture interessanti ?? Qui mi hai dato un po' di idee da prendere in considerazione ;)
    Buona giornata e buon fine settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, son contento, orientati sul genere che più ti ispira e del quale hai più voglia, i suggerimenti qui presentati sono per me tutti molto validi. Se clicchi sull'etichetta 5 libri troverai anche le proposte della volta scorsa. In tutto i libri consigliati saranno 25, ce n'è da star bene per almeno un paio d'anni :)

      Elimina
  2. Letti tutti tranne quelli di Welsh e De Cataldo. Quello di Easton Ellis è un capolavoro, nonostante non sia tra i miei autori preferiti. "Altà Fedeltà" è un classico come Hornby non ne ha più scritti (ma non ne ho letti molti). Interessante comunque sottolineare che da quello di Richard "Stephen King" Bachman è stato tratto il film "L'Implacabile" con Schwarzenegger (lo sapevi, no?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo sapevo, ho fatto anche il giochino di non menzionare King per vedere se qualcuno se la beveva :)
      Inoltre King sarà presente quasi in tutti e cinque gli appuntamenti con 5 libri che..., così volevo un po' sviare la cosa :)

      Ti confermo che Hornby non ne ha più scritti così, personalmento ho letto ancora Febbre a 90, Come diventare buoni, Non buttiamoci giù, Un ragazzo e forse qualcos'altro che ora non mi viene in mente. Alta fedeltà rimane inarrivabile anche se altre cose decisamente divertenti ci sono (Un ragazzo e Febbre a 90 ad esempio).

      Colla e Romanzo Criminale te li straconsiglio, letture veramente grandi.

      Elimina
  3. Letti 3 su 5, non male. ;-)
    Ellis, che te lo dico a fare?
    Hornby. Degli ultimi consigliere solo Tutta un'altra musica, mentre Alta Fedeltà rinane il suo capolavoro.
    De Cataldo... Ho letto poco tempo fà il prequel di Romanzo Criminale, Io sono il libanese e mi manca il sequel "Nelle Mani giuste".
    Di Welsh e King non ho mai approfondito molto, ma nella vita mica si può riuscire a leggere tutto... .
    Cmq direi ottima tornata anche con questi 5. Unica critica... ti piace vincere facile? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minchia quanti refusi, devo smetterla di postare con lo smartphone... .

      Elimina
    2. Beh, si. Gli appuntamenti con 5 libri che... presenteranno principalmente grandi libri, non mancherà però qualche outsider.

      King lo consiglio sempre, ha scritto cose bellissime e anche diverse cagate. Però quando è in forma rientra di diritto nell'olimpo dei grandi scrittori. Welsh deve piacere, al pari di altri autori un po' particolari, Colla però è un grande romanzo che consiglierei a tutti.

      Elimina
  4. Bene bene, prendo nota allora!

    RispondiElimina