mercoledì 17 settembre 2014

FABIAN GRAY

(Five Ghosts di Frank J. Barbiere e Chris Mooneyham, 2013)

Nell'introduzione a questo volume dedicato alle imprese di Fabian Gray la redazione dell'Editoriale Cosmo, lanciandosi in accostamenti parzialmente azzardati, si spende i nomi di Alan Moore e della sua Lega degli straordinari gentlemen e quello di Mike Mignola e della sua più celebre creatura: il demone Hellboy.

Diciamo pure che se per alcuni aspetti della trama questo volume può essere accostato alla più blasonata Lega di Moore e per alcune atmosfere ed elementi accessori all'Hellboy di Mignola (accostamenti comunque un po' forzati), la caratura del lavoro di Barbiere e Mooneyham non raggiunge gli stessi livelli qualitativi toccati dalle due potenziali muse ispiratrici.

Questa premessa non è qui per smontare il volume in questione che in realtà si rivela invece una lettura piacevole, semplicemente sposa la tesi che aspettative troppo alte possono rovinare il gusto di un buon racconto. Ma andiamo pure al sodo.

Fabian Gray è uno strano avventuriero, ladro e cacciatore di tesori, un uomo con un evento tragico nel suo passato al quale sta cercando con tutte le sue forze di porre rimedio. Nelle sue imprese è aiutato da un dono particolare, quello di poter attingere alle abilità di cinque personaggi storico/letterari che nella realtà di Fabian non sappiamo se siano realmente esistiti o meno. Da qui il titolo originale della (mini?)serie, Five ghosts, e l'accostamento alla Lega di Moore. Ma chi sono questi cinque bellimbusti? I loro nomi non vengono mai palesati ma sono, facilmente o meno, riconducibili a: Sherlock Holmes, Robin Hood, uno stregone che azzarderei a dire sia Merlino (chi altri?), un demone vampirico in odore di Dracula e un samurai che si rivela essere il meno riconoscibile di tutti. Tenendo conto che uno degli episodi della run successiva per ora inedita in Italia si intitola Legend of the Masamune, possiamo azzardare che questi sia il forgiatore di spade Masamune collocato dalla leggenda a cavallo tra il 1200 e il 1300.


La narrazione di Barbiere parte un po' in sordina per accelerare poi dal secondo episodio entrando a pieno titolo nell'ambito delle pulp novels d'avventura, un racconto dove si incrociano azione e magia, strani culti adoratori di bestie, nobili guerrieri, pietre portentose, scenari esotici, mezzi volanti e città perdute. E' proprio questa la caratteristica principale che rende questo primo arco narrativo di Fabian Gray piacevole da leggere (e la Cosmo non mancherà di presentarci il successivo, o almeno credo).

Ma anche l'occhio vuole la sua parte ed eccoci a parlare del lavoro di Chris Mooneyham. Questa volta un paragone lo azzardo io, il tratto corposo, il taglio di alcuni volti, le chine e in alcune tavole anche l'uso dei colori mi hanno ricordato molto lo stile di Klaus Janson. I disegni sposano alla perfezione le atmosfere evocate dal racconto, alcune splash page sono di grande effetto e moltissime sequenze davvero ben riuscite. Ho apprezzato molto l'apertura del terzo episodio con un'impostazione grafica molto pulp e una doppia tavola tutta da ammirare così come le sequenze in flashback con stili diversi da quello della narrazione portante.

La scelta della Cosmo di guardare anche al fumetto americano non potrà che aumentare il numero di buone pietanze sulla nostra tavola, ormai siamo a rischio indigestione.


6 commenti:

  1. La stessa impressione che ho avuto io: non certo un capolavoro ma un fumetto godibile. Che oggi come oggi è già qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fumetto godibile che cresce con l'avanzare della storia, l'aspetto che più mi è piaciuto è proprio l'atmosfera da vecchia storia d'avventura.

      Elimina
  2. A trovarlo, cari miei. Qua alla fine sembra quasi che voi viviate in una megalopoli e io in un pollaio in un sobborgo di periferia. Sarà proprio la mia zona ad essere sfigata? Mah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo vada un po' a fortuna, ad esempio io faccio una fatica bestiale a trovare Cosmo Color USA così come il Garfield per Laura, li acquistiamo entrambi quando andiamo a trovare i nonni in un'altra zona. Anche Topostorie che è Disney non si trova in tutte le edicole, vai a capire... misteri della distribuzione, questo invece l'ho trovato sotto casa, il secondo almanacco, quello con il western tratto da L'Amour, che mi sarebbe interessato non l'ho mai visto da nessuna parte. Mah!

      Elimina
  3. Direi che il samurai è Miyamoto Musashi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti credo sulla parola :)

      benvenuto da queste parti.

      Elimina

Dai un'occhiata anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...