mercoledì 20 maggio 2015

BIG CITY

(di Djamel Bensalah, 2007)

Quella che all'apparenza poteva sembrare una commedia da vedere in famiglia con i bambini, si rivela invece essere un film dalla morale poco consolante e forse, nonostante i protagonisti siano tutti (o quasi) bambini sotto i quattordici anni, non proprio adatto a un pubblico molto giovane. Nonostante l'intera storia narrata da Bensalah sia interpretata da giovanissimi, assoluti protagonisti di Big City, il regista non ci risparmia colpi bassi e questioni spinose sulle quali riflettere. Tutto sembra iniziare come un racconto di fantasia narrato da un nonno alla sua nipotina, una storia scritta da lui stesso, la storia della cittadina di Big City sita nel Far West americano del 1889.

In quell'epoca, in seguito a un attacco indiano ai danni di una carovana di coloni, l'intera popolazione adulta di Big City si assenta per correre in aiuto dei coloni. Quella che doveva essere un'assenza temporanea si protrae nel tempo fino a diventare permanente, a Big City rimangono solo i bambini, lo scemo del villaggio di nome Banjo (Atmen Kelif) e il vecchio ubriacone Tyler (Eddy Mitchell). I primi giorni sono un fiorire di azioni anarchiche in perfetto stile fanciullesco: negozi di caramelle depredati, animali dipinti coi colori dell'arcobaleno, strade invase da schiuma e bolle di sapone, schiamazzi, giochi e bimbi ubriachi. Poi i più saggi (?) tra i bambini si rendono conto che così non può andare avanti a lungo. E' nel momento in cui i bambini decidono di seguire ognuno le orme dei propri genitori che iniziano i guai, perché la mela non cade mai troppo lontana dall'albero. Se non mancano i bambini dal cuore puro e ingenuo come il pistolero James Wayne (Vincent Valladon) o il barman del saloon Luigi (Théo Sentis), sono i cattivi in erba come il ricco proprietario terriero e sindaco William White (Jeremy Denisty) il vero motore della vicenda. Curiose le parti assegnate a Nicole (Charlie Quatrefages), figlia di una prostituta che vende baci sulla guancia a 50 centesimi e sulle labbra a un dollaro (per 25 cents magari becchi un ceffone) o a Jefferson (Samen Télesphore Teunou), inserviente negro discriminato dagli altri bambini.


E' proprio con quest'ultimo aspetto che il regista francese affonda il colpo, la società costruita dai bambini eredita vizi e pregiudizi di quella degli adulti, il nero è discriminato e considerato un bambino di serie b, la crudeltà continua a far parte della vita quotidiana, anche istituzioni deprecabili come quelle del Ku Klux Klan (ovviamente molto edulcorate) sembrano essere destinate a esistere. Neanche il mestiere della prostituta scompare, quello che invece il regista ci porta a credere possa scomparire è la speranza, la speranza che almeno i nostri figli possano cambiare il mondo e il nostro modo di essere e sembra dirci: "attenti perché non è così, i nostri bambini guardano a noi e noi al 99% delle volte diamo loro l'esempio sbagliato".

Solo con un grande sforzo da parte di tutti le cose potranno cambiare. E' un film anomalo questo, un western francese recitato da piccoli grandi attori. Un cast fatto di spontaneità e sincerità, volti giovani davvero in gamba. Quello che appunto poteva essere una commedia divertente lascia invece un retrogusto parecchio amaro e ancora una volta ci mette di fronte in maniera evidente al fatto ineluttabile che siamo tutti sulla strada sbagliata.


12 commenti:

  1. Lo recupero subito!
    Grazie della segnalazione

    RispondiElimina
  2. Interessantissimo.
    Questo lo recupero sicuro. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno per i sottotesti espressi e per la prova dei bambini il film merita una visione.

      Elimina
  3. Appena vista questa cosa del bimbowestern mi è suonato un campanello. Odio i vaghi ricordi, per fortuna esiste internet sennò stavo ancora qui a pensarci. Ci furono spaghetti western interpretati da bimbi:

    http://www.memocinema.com/?p=1635

    però non credo che lì potremo trovare grandi sottotesti o morali nascoste :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il link, sono andato a leggermi i suggerimenti del forum, di quei film non ne sapevo assolutamente nulla.

      Elimina
  4. Uh, molto curioso e mi lascia anche perplessa... Il messaggio è chiarissimo e non posso che condividerlo, ma, secondo me, se mai capitasse una situazione in cui i bambini potessero disporre del "potere", certe schifezze non accadrebbero. I bambini sono la speranza, non posso nemmeno pensare a una roba tanto tremenda :P
    Sarebbe da recuperare, eccome! Quanti suggerimenti fornisci Firma *__* Merci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero che i bambini sono la speranza, ma sono la speranza da quante generazioni ormai? Il problema è che i bambini diventano grandi e crescono in un mondo con un sistema civico e culturale completamente sballato, a volte le famiglie non bastano. Bisogna riformare la testa delle persone, altro che il paese...

      Elimina
    2. Sono d'accordo! Ma l'esperimento appunto prevede l'assenza degli adulti, e che, in questa ipotetica situazione, per motivi di potere diciamo, i ragazzini finiscano per far la pantomima degli adulti:
      - è una grande idea per rendere il messaggio del film
      - sono quasi sicura che non potrebbe accadere (in una ipotetica situazione reale)
      Bene, credo di aver fatto sufficiente confusione :3

      Elimina
  5. "se mai capitasse una situazione in cui i bambini potessero disporre del "potere", certe schifezze non accadrebbero. I bambini sono la speranza".

    Mai letto/visto "Il signore delle mosche", vero? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì l'ho letto, ma è un libro che descrive una possibile deriva. Non è una certezza! Con questo, non escludo a priori nulla, dico solo che se si elimina anche l'idea della speranza riposta nei ragazzini, beh...

      Elimina

Dai un'occhiata anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...