giovedì 22 ottobre 2015

RITORNO AL FUTURO I e II (in sala)

Ieri è stata una giornata da ricordare per i moltissimi fan della saga di Ritorno al futuro, il 21 ottobre 2015 è infatti la data alla quale Marty McFly (Michael J. Fox) e Doc Brown (Christopher Lloyd) approdarono dal lontano 1985 ben 26 anni fa (e non trenta in quanto l'episodio risale al Back to the future part II del 1989) per risollevare le sorti della famiglia McFly ed evitare una brutta esperienza al figlio di Marty, Junior (sempre Michael J. Fox).

Inoltre il primo episodio della saga risale al 1985, giusto trent'anni fa, quale migliore occasione allora per riportare Ritorno al futuro e Ritorno al futuro parte II nelle sale?  E allora perché non partecipare a quello che più che una visione dei due film in sequenza si è rivelato una sorta di allegro happening per affezionati?

Nonostante i ripetuti passaggi di questi due film di culto sui teleschermi delle nostre case, la visione collettiva in sala riesce ancora a donare nuova meraviglia alle pellicole, nonostante almeno il secondo episodio l'avessi già visto in sala al tempo che fu (avevo quattordici anni allora). Il pubblico, moltissimi coetanei, donne e uomini, è lì per partecipare all'evento più che per godere dei film in sè, è pronto a citarne le battute a memoria, ad aggiungerne magari di proprie facendo ridere di gusto i vicini, a godersi una serata al cinema indubbiamente diversa. E forse in tempo di crisi per le sale cinematografiche va bene anche questo, in fondo con una scusa abbastanza blanda ci si ritrova in sala, ci si sente parte di qualcosa, fosse anche solo di un grande flusso nostalgico (più che canalizzatore), ci si diverte e si riscoprono ancora tutte le qualità di due film capaci ancora oggi di entusiasmare nonostante le ripetute visioni.


Il primo episodio gode di una densità di battute e momenti comici davvero notevole, il mio giudizio positivo e il mio ricordo della saga di Ritorno al futuro, oltre che a una sequela di scene ormai mitiche, era legato alla magnifica costruzione della vicenda, al legame perfetto tra i primi due episodi, al meccanismo a orologeria e, ovviamente, al ricordo degli splendidi personaggi, un Michael J. Fox e un Christopher Lloyd semplicemente magnifici con spalle tutte da incorniciare. Tornare a ridere su battute ormai note è stata l'ennesima riscoperta della qualità di questi piccoli capolavori.

La serata inoltre è stata arricchita da un video di benvenuto ad opera di Doc Emmett Brown e, tra il primo e il secondo film, dal trailer riassuntivo di tutti i film della saga Lo squalo dal primo al diciannovesimo episodio (citato in Back to the future part II) e dalla pubblicità degli skate volanti Hoverboard, entrambi parecchio esilaranti.

Forse non proprio l'occasione giusta per vedere il film per la prima volta, o comunque una maniera di vederlo tutta particolare, però che sia questa una nuova modalità d'uso della sala cinematografica? Occasione di recupero, magari in alcuni casi valorizzazione di opere del passato e, perché no, in alcuni casi anche di festa e celebrazione. E, strano a dirlo, nonostante si parli di multiplex, l'organizzazione dell'evento è stata più rispettosa del medium Cinema che non in altre occasioni con film in prima visione preceduti da valanghe di pubblicità e spezzati a casaccio nel mezzo per vendere i pop corn agli spettatori.

Insomma, la serata di ieri è stata davvero divertente.

21 commenti:

  1. Bella cosa questa serata, che ti invidio. Trovo sia una cosa molto bella riuscire a vedere sul grande schermo film del passato più o meno recente, perché secondo me il cinema va visto al cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, anche se conosci già il film è una bella esperienza. Come mi piacerebbe vedere in sala, ad esempio, la trilogia del dollaro o cose come Corvo rosso non avrai il mio scalpo.

      Elimina
    2. Dirò una banalità ma forse ti conviene chiedere un passaggio al Professore e farti lasciare, diciamo, nel 1972.
      Come direbbe Alberto Angela, "non ci si pensa mai", ma un tempo i film al cinema non venivano proiettati solo UNA volta per poi finire dopo qualche anno alla tivù.
      I film avevano una vita "cinematografica", pensata per le visioni cinematografiche.
      Esistevano due canali televisivi e di conseguenza esistevano cinema di prima, seconda e terza visione, e la gente ci andava. Senza bisogno di cineforum, retrospettive o eventi legati ad anniversari ecc. Uscivi la sera e potevi vedere un film di dieci o venti anni prima. Davvero. E' una delle tante piccole belle cose a cui abbiamo rinunciato per avere Merdiaset e compagnia bella (oh, ci sono anche tanti vantaggi, sicuro, come no...).
      Io stesso non ci avevo riflettuto, ma me lo avete fatto venire in mente. A volte mi pare di aver viaggiato non nel tempo ma nello spazio, era un altro pianeta.

      Elimina
    3. Sì, il 1972 non mi sembra male come idea, mi piacerebbe farci un giro. Per i film vecchi è vero quel che dici, ora al massimo è rimasto qualche cinema di seconda visione (io fino a qualche anno fa a Torino ci andavo), risparmiavi dei soldi però ti guardavi film al massimo di 4/6 mesi prima, mai i classici. Poi non ho nè Merdiaset nè sky nè niente e quindi... ho giusto la rete.

      Elimina
    4. Sì sì, anch'io non ho la tv. Ho un vecchio tubo catodico che uso solo per dvd e cassette, ma vedi, il problema non siamo tu ed io, volendo non è neanche Merdiaset (se non ci fosse stato Berlusca sarebbe stato qualcun altro).
      Il fatto su cui per me è interessante riflettere è che la tv ha ammazzato il cinema, o almeno ne ha cambiato profondamente la natura di spettacolo popolare. Oggi il cinema, per un film, è (quasi) solo un preludio al passaggio televisivo. Forse è per questo che le case produttrici vogliono rischiare meno che in passato e si focalizzano su remake, reboot e due o tre "generi" standardizzati. Parlo di cinema popolare s'intende, cinema "di genere".
      Forse perchè dal punto di vista tecnico la fruizione delle due forme di spettacolo è molto simile, la tv è riuscita ad ammazzare il cinema mentre, per esempio, il cinema non ha ammazzato il teatro, perchè ci sarà sempre gente disposta a vedere uno spettacolo dal vivo con le sue peculiarità. Magari poca, ma ci sarà. Infatti il teatro non rende bene trasmesso in televisione, si perde troppo della sua particolare natura. La peculiarità del cinema è quella di riunirsi in un salone per vedere uno spettacolo su grande schermo, dove puoi provare altre sensazioni dalla visione televisiva... apprezzare, che so, il Cinemascope ecc. Tu la rimpiangi, ma a tanta gente non sembra importare.
      Comunque è un discorso che porterebbe troppo lontano...

      Elimina
    5. Io la tv ce l'ho (ne ho più d'una in realtà), quella della sala, quella grande diciamo, è un vecchio tubo catodico Sony che si vede ancora bene. Anche io la guardo praticamente solo con abbinato il lettore DVD. Mia figlia ci guarda i cartoni e noi abbiamo quelle 3/4 trasmissioni l'anno che non ci dispiace guardare.

      Per quello che riguarda i film al cinema e in tv bisognerebbe anche vedere quanto è cambiata la società, il tempo che si ha per andare al cinema, i soldi che si hanno da spendere (ormai ce ne vanno un po' per una famiglia), i film che è possibile vedere con i bambini, etc... allora spesso si ripiega sulla visione domestica che però non è assolutamente la stessa cosa.

      La distribuzione si è adeguata, punta alla pubblicità dei passaggi televisivi, ai dvd, per i film più importanti ai dvd celebrativi o in special edition e per i casi più eclatanti (soprattutto per i cartoons) al merchandising spinto.

      Per fortuna esiste ancora una cinematografia minore, più piccola nella quale cercare contenuti diversi. Io penso che il Cinema resisterà ancora, in futuro chissà, i metodi di fruizione potrebbero cambiare ancora, temo però non per il meglio.

      Elimina
    6. Sul riproporre vecchi film al cinema ci pensavo pure io, per esempio potrebbero riesumare la vecchia tradizione disney per cui un classico tornava nelle sale ogni 7 anni...
      ok che ormai di disney (tra classici, pixar, marvel, star wars e altre acquisizioni varie ed eventuali) escono 4-5 film all'anno per cui viene a cadere il discorso riempitivo degli anni buchi, però quando nell'estate del 2012 hanno riesumato la Bella e la Bestia per la riedizione in 3D (oppure quando hanno fatto la stessa cosa per Il Re Leone) ho visto le sale piene di grandi e piccini...
      alla fine è una scommessa a basso rischio, perchè si tratta di film di grande richiamo anche per chi l'ha visto infinite volte e possiede il film anche in versione homevideo (vhs, dvd o bd) ed è strano che non lo facciano più spesso, specialmente d'estate dove mancano i titoli di richiamo (e, presumo, che un grande classico sia più di richiamo di un film inedito, no? alla fine passi 2h in un locale con l'aria condizionata... è pure gradevole!) e può essere da traino anche per l'home video!

      L'unica casa che però sembra appoggiare questa iniziativa è la Lucky Red, quando ripropone i film di Miyazaki... peccato che, esattamente come la disney, riporta (o porta per la prima volta) i film in sala solo quando c'è da evidenziare una discontinuità con le precedenti versioni, tipo un nuovo doppiaggio (classico della Lucky Red con Miya) o conversioni in 3D (Disney, ma anche "La Minaccia Fantasma" e Titanic)

      Elimina
    7. Spesso le opere di Miyazaki arrivano in sala con anni di ritardo, fortunatamente ora l'attenzione sull'autore è ai massimi livelli e c'è la possibilità di vedere qualcosa in più. Ecco, invece riempire le sale estive di classici sarebbe una bella idea, magari a prezzo contenuto :)

      Elimina
  2. Come molti dicono, sono proprio i girellari a mandare avanti la baracca, ed è anche presto detto il perché: se si guarda al passato ci sono molti più prodotti di valore rispetto allo status quo odierno. Che poi non siano capolavori della tecnica, poco importa, la loro vera forza era (ed è) nella comunicazione e nell'intrattenimento puro.

    Un bell'evento, cui -ahimè- non ho prestato molta attenzione, visti gli impegni dell'ultimo periodo, e quindi chiedo: come mai solo i primi 2? Inserire il terzo avrebbe prolungato troppo la maratona? O è stato ritenuto troppo distante dall'idea originale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non conosco bene i perché della scelta, penso sia dovuto al fatto che i primi due film sono molto più collegati tra loro narrativamente e per ognuno dei due c'era l'occasione da festeggiare, i trent'anni del primo, e la data citata nel secondo, quella del 21 ottobre, giorno della festa e giorno al quale nel secondo film Doc e Marty approdano nel futuro.

      Elimina
    2. Plausibile come teoria, non ci avevo pensato :D

      Elimina
    3. Non ti dico l'entusiasmo in sala quando Doc ha impostato sulla De Lorean la data del 21 ottobre 2015 :)

      Elimina
  3. non avendo dalle mie parti un cinema che partecipava all'iniziativa, ho ripiegato su Italia 1... nonostante abbia i film in dvd e li posso recuperare quando voglio, mi sono sorbito ben volentieri le infinite pubblicità che hanno prolungato la visione fino alle 2.15 (dalle 19.25!!! 7 ore!)

    per l'occasione l'ha visto anche mia sorella che è arrivata a 21 anni senza averne mai visto una singola scena :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, istruire le nuove generazioni :)

      Anche mia figlia avrebbe voluto vederli, purtroppo avendo scuola il giorno dopo non si è potuto fare. Comunque i film li ha già visti tutti e tre ovviamente :)

      Elimina
  4. Ho scoperto solo dopo che da me hanno trasmesso l'evento... Tuttavia il cinema non ha sponsorizzato nulla.
    Che iella...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui invece c'erano le pubblicità in diverse sale già da qualche tempo.

      Elimina
  5. Concordo in toto con Alligatore, sia sull'invidia (bonaria, concedimela) che sul fatto che il cinema vada visto al cinema! Non avrei trovato parole migliori!
    Il gusto cambia, si affinano i sensi e l'entusiasmo è di default decuplicato!
    Nulla ancora riesce a trasmettermi l'emozione della poltrona al buio in mezzo a decine di vicini-sconosciuti! L'avrei vissuto volentieri questo ritorno al passato! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, è stato davvero un ritorno al passato divertente :)

      Elimina
  6. Bon, faccio outing, tanto già un amico mi ha "sgridata" :P
    Ho visto (e a pezzi) soltanto il primo. Vado a nascondermi. O a recuperare.

    Buon week end ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!!!!

      Elimina
    2. E lo sapevo -_- D'oh!

      XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...