lunedì 16 maggio 2016

CAPITAN AMERICA: CIVIL WAR

(Captain America: Civil war di Anthony e Joe Russo, 2016)

La via del cinecomic sta in casa Marvel, senza se e senza ma, con buona pace del reparto cinematografico tutto di casa DC Comics (e mi riferisco ovviamente all'ancor giovine Extended Cinematic Universe e non al Bats di Nolan). Come a dire Marvel batte Dc una cosa tipo 200 a 0.

Premettendo che stiamo parlando di cinecomics e non di capisaldi della cinematografia mondiale, Capitan America: Civil War è a mio avviso tutto quello che un film di genere deve essere (ormai possiamo anche sdoganare il cinecomic come genere, non vi pare?).

La cosa che più mi ha colpito di questo film sono i tempi, la costruzione, il bilanciamento tra azione e sequenze riflessive, gli spazi dedicati ai personaggi, le introduzioni. Tutto si incastra alla perfezione senza strappi, senza traumi, senza causare nello spettatore dubbi di sorta e mal di pancia da perdita del bandolo della matassa. Prendiamo un punto di partenza a caso e parliamo di Pantera Nera (Chadwick Boseman). Ora io vi sfido a chiedere a qualsiasi persona estranea al mondo dei comics Marvel chi cazzo sia Pantera Nera. Fidatevi, non lo sa nessuno. Nessuno. Però a film finito la costruzione di Pantera Nera, per il pubblico, è acquisita e portata a casa. A fine film sai chi è Pantera Nera, con pochissimo, alcune sequenze ben scritte, qualche dettaglio, una buona presentazione. Dall'altra parte (Dawn of Justice) invece sono stati buttati a caso personaggi qua e là senza mezza parola, nella speranza che qualcuno potesse cogliere qualcosa. Mi dispiace, non è questa la strada da battere, la fretta è cattiva consigliera.


Altro aspetto: il ritmo. A fine film, dopo le ultime due scene nascoste, ti alzi dalla sedia e non ti sei accorto che sono passate ben due ore e ventisette minuti. Due ore e mezza di film leggere come un bicchiere d'acqua.

Il film presenta una storia collettiva, i personaggi sono tantissimi, il cast graziato anche dall'aggiunta di volti noti in ruoli secondari (William Hart e Martin Freeman per esempio). Ogni personaggio ha il suo spazio, bilanciato per bene, anche l'introduzione dell'Uomo Ragno (Tom Holland) funziona, più affrettata di quella di Pantera Nera, è vero, ma in fondo Spidey lo conosce anche mia madre e il colpo fatto dai Marvel Studios grazie all'accordo con la Sony era un'occasione da non lasciarsi sfuggire.

La storia presentata nel film non ricalca pedissequamente la Civil War del fumetto, fonde invece per bene questa storyline con quella orchestrata da Ed Brubaker per il Soldato d'Inverno (Sebastian Stan) sulle pagine di Capitan America, mantenendo però intatto lo spirito di fondo di personaggi e vicende della versione cartacea, che poi è quello che a mio avviso conta veramente. Non mancano inoltre spunti di riflessione e dilemmi morali non scontati all'interno di un film di supereroi, la questione è sviluppata talmente bene che non è facile prendere in toto, se non per previa partigianeria, le parti della squadra di Capitan America (Chris Evans) o di quella di Tony Stark (Robert Downey Jr.). Nulla è bianco, nulla è nero, tutto è grigio.


Anche visivamente il film funziona, a dispetto delle critiche lette in giro su diversi commenti, il lavoro dei fratelli Russo a me non è dispiaciuto, gli si può forse rimproverare un'eccessiva frenesia in alcune scene action ma per il resto i registi svolgono bene il loro compito (poi ogni tanto spunta fuori il product placement ma che vuoi, per fare film come questo i soldi servono).

Probabilmente il miglior Marvel movie nella sua accezione più action, per quella ironica c'è ancora Guardiani della Galassia in pole position. Certo è che in futuro qualche passo falso arriverà, è quasi inevitabile, ma è sempre più grande la speranza (e il desiderio) che la Disney (proprietaria di Marvel) riesca a riappropriarsi dei diritti di sfruttamento di brand popolarissimi legati a Spider-Man, X-Men e Fantastici 4. Forza, cerchiamo di far tornare tutte queste creature disperse a casa loro, dove dovrebbero stare.

PS: ultime note sparse di poco conto.
1) Magari Zia May (Marisa Tomei) figa anche no.
2) Nel Marvel Cinematic Universe non è detto che debba fare proprio tutto Tony Stark.
3) Il resto del cast: Scarlett Johansson (Vedova Nera), Anthony Mackie (Falcon), Don Cheadle (War Machine), Jeremy Renner (Occhio di Falco), Paul Bettany (Visione), Elizabeth Olsen (Scarlet), Paul Rudd (Ant-Man), Emily VanCamp (Sharon Carter), Daniel Brhul (Helmuth Zemo). Scusate se è poco.


17 commenti:

  1. Non seguo questo filone se non occasionalmente (Guardiani ad esempio l'ho visto ;) ), ma il film sembra davvero caruccio! Dunque anche per chi come me non è esperto di Marvel, potrebbe andare bene, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ovviamente se si seguono tutti i film del Marvel Cinematic Universe te la godi un po' di più, però anche da solo va bene. Magari potresti guardarti il precedente di Capitan America dove viene introdotto il Soldato d'Inverno e magari i due Avengers.

      Elimina
  2. Visto sabato. Conosco e leggo i Marvel Comics da oltre 40 anni, ma ero quello meno entusiasta all'idea di andare al cine xchè x me un film non deve durare oltre i 90 minuti, naturalmente esistono eccezioni, e x la sensaz che era stata messa troppa carne al fuoco. Crepascolino studia le demo delle partite a PS da gg e gioca con quei personaggi da sei mesi e Crepascola ha da sempre un debole x Bob Downey jr e da un paio di film x Evans.
    Dopo una ora abbondante di schermaglie, il mio cucciolo mi ha chiesto quando si sarebbero divisi in squadre ed avrebbero cominciato a darsele. Nel silenzio della sala, quando Steve Rogers e Sharon Carter si danno un rapidissimo bacetto, 'Lino ha esclamato a voce freccianerica " beeeh che schifo ! ", ma la sala era piena di true believers di tutte le età e nessuno ha fatto una piega. I genitori naturalmente hanno soffocato un convulso di risa. Adoro la zia Tomay Tomei. Peccato che sia stata in scena anche meno di Everett Ross o del Segretario Thunderbolt Ross.
    Troppo lungo x un pubblico della età della mia prole
    ( sette anni compiuti da poco ) ed anche x bimbi uno zinzino + vecchi. Troppo lungo x aggeggi rottamabili della mia generaz ( nato nel '68 ) che da tempo scelgono tra i comics disegnatori sintetici e cartoon ( Alessandrini , Leonardi, Breyfogle ) xchè sentono e sanno che la vita è brebe come disse il tale al tassista zombie in Ghostbuster.
    Ci sarà una ragione se le lezioni universitarie durano 45 minuti.
    Detto questo, considerato che Crepascola apprezza Jackman e McAvoy e quindi mi toccherà anche l'Apocalisse mutante prossima ventura e che ho già visto quasi tutti gli altri film con il fattore ics, non mi pare che Fox abbia finora fatto un cattivo lavoro. Non sono contrario a che continuino ad occuparsi di homo superior. FF è un franchisee invece che è destinato a restare nel limbo x anni, xchè la First Family è un concetto vissuto come superato dai fans. E non è una questione di reale età dei personaggi xchè Cap è del 1941 ed è + popolare oggi di quando negli anni settanta era "solo" una delle due testate Corno + vendute e Thor, Ant-man , Hulk ed Iron Man ( x tacere di Black Widow , Scarlet ed Hawkeye ) sono nati poco dopo il 1961, anno in cui con i Fantastic Four è nato ufficialmente il Marvel Universe.
    Accettare un uomo di gomma - potere buffo che non si affocia ad una testa d'uovo - ed una donna che diventa invisibile - potere reso retro e magico dal camuffamento ambientale di camaleonti realistici come il filmico Predator - ed un uomo di fuoco - troppo fantasy rispetto a chi controlla le fiamme come x esempio il Pyro mutante - ed un freak di roccia - che perde x KO contro il fascino di uno Hyde verde e palestrato sono concept che torneranno trendy quando il pubblico vorrà dimenticare almeno x 90 minuti lo stress di una realtà in cui davvero le case crollano e la gente muore con cose come i Secret Saturdays, ma di carne e sorridere almeno fino a casa.

    Mi chiedo se il Killer Croc del prossimo Suicide Squad conquisterà il pubblico come Joker o Arlecchina o Deadshot. Io sono già innamorato di Amanda The Wall Waller.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Crepa, che bello leggerti da queste parti!

      Mi sarebbe piaciuto sentire qualche bimbo gridare in sala "Che schifo!", avrebbe aggiunto divertimento all'esperienza :)

      La zia Tomay non dispiacerebbe neanche a me, però dai, la zia May Tomay è forzata, dopo le milf ecco a voi le ailf.

      Per quel che concerne la prole... beh, la mia bimba ha 10 anni e questi film ancora non li guarda, troppe botte, di solito andiamo su altro. Si era fatto un tentativo con il primo X-Men dove ci sono personaggi che lei conosce meglio ma niente, bimba troppo sensibile, film troppo tosti per lei. Preferisce ancora Cenerentola (però, eccezione delle eccezioni, aveva visto i Guardiani e le era piaciuto, però con qualche turba).

      Sulla Fox concordo con te, a parte il terzo capitolo di X-Men i film a loro dedicati mi sono piaciuti tutto sommato. Però nelle mani dei Marvel Studios non mi dispiacerebbe vederli, anche per scongiurare prese di posizione antipatiche sui fumetti come sta accadendo invece per i F4.

      Peccato per la First Family, tutto sommato a me son sempre piaciuti.


      Elimina
  3. peggior film marvel di sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente non sono d'accordo, a mio avviso è stato fatto un bel lavoro di costruzione su questo film.

      Elimina
  4. Sono sempre stato molto critico con questi film.
    Per la prima volta non ho nulla di negativo da dire: l'ho trovato un ottimo film d'intrattenimento, ma che allo stesso tempo mostra una qualità filmica.
    Davvero il miglior film della Marvel Cinematic Universe!

    RispondiElimina
  5. Ecco! Lo aspettavo! Non vedo l'ora di vederlo... come al solito arrivo tardi e come al solito leggo le tue entusiastiche recensioni che invitano alla visione (mettendomi tra l'altro un'acquolina cinematografica che "mannaggia a te, prima stavo più tranquilla!" XD). Non mancherò di farti sapere... non ho alcun dubbio sul fatto che sarà più che gradito. Quando c'è firma Marvel, immaginami saltellare a destra e a manca come una bimba! *_* (ok, no scherzavo! Non immaginarlo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se già la Marvel ti crea questo hype non puoi far altro che fiondarti (saltellando) in sala, non rimarrai delusa ;)

      Elimina
  6. questo devo ancora vederlo, ma sono in pari con gli altri.
    l'impressione che tutti i Marvel/Disney mi lasciano è comunque freddina, dai plasticoni tecnicamente perfetti ma vuoti... arrivo alla fine senza emozionarmi nemmeno per un attimo, anzi addirittura annoiato (salverei, a mente, il primo Iron Man e The Winter Soldier, SICURAMENTE NON i 2 Avengers!)

    Adoro invece gli X-movie della Fox, quelli sì che mi emozionano sempre, anche nei capitoli meno riusciti (Apocalisse... cosa fai quando hai dei grossi attori vincolati a fare dei film perchè li hai ingaggiati quando erano nessuno? ecco appunto, esce Apocalisse, primo fallimento di Bryan Singer dai tempi di S. Returns!).

    Quelli e gli SpiderMan di Raimi! non a caso i miei cinecomic moderni (= quelli realizzati dopo il primo Blade, che con il primo XMen rappresenta il rinascimento del genere dopo il fallimento dei Batman, e di Superman III e IV, che avevano decretato la morte della prima era del genere) preferiti rimangono SpiderMan 2, X2 e Giorni di un Futuro Passato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dimenticavo (può contenere SPOILER): alla fine, nonostante le parole di Singer stesso, Fox e Disney hanno trovato una soluzione salomonica (in verità anche molto disneyana... ricordi "Un cowboy col velo da sposa"?) per dirimere il problema dei gemelli mutanti: QuickSilver tra gli X-Men e Scarlett Witch negli Avengers!

      Elimina
    2. Parto dicendoti questo: da sempre i miei personaggi preferiti sono gli X-Men, ho iniziato a leggere fumetti americani innamorandomi degli uomini X di Claremont e Byrne. Detto questo io trovo il lavoro che stanno facendo con i personaggi Marvel in Disney (parlo di cinema) molto buono, con qualche caduta di tono. Molto fiacco il secondo Avengers, decisamente ben riuscito il primo, davvero divertenti i primi due Iron Man, molto meno il terzo. Bella tutta la saga di Cap. Insomma nel complesso niente male.

      Discorso Fox e X-Men: tutto sommato bene anche qui, a parte il terzo X-Men (conflitto finale) il resto l'ho apprezzato parecchio (mi manca l'ultimo). Però proprio per evitare soluzioni salomoniche preferirei passasse tutto in mano ai Marvel Studios.

      Elimina
  7. A me, nemmeno a dirlo, è piaciuto :D ma mi ha lasciato parecchi punti interrogativi e una vaga sensazione di incompletezza.

    Parto dal presupposto che la scelta del "non detto" come una delle cause scatenanti della divisione dei due gruppi non mi ha convinto. Ok il momento di riflessione, ma basare lo scisma sulla difficoltà comunicativa iniziale è stata un po' infelice, per me.

    Guardando la scaletta dei prossimi film del MCU, sono curioso di vedere come faranno a rimettere insieme i pezzi: mi auguro non sia una cosa del tipo "uddiu, un nemico tosto, dai tutti insieme altrimenti veniamo fregati" XD forse la quantità dei comprimari, distribuita su una durata importante, non permetteva molto di più.

    E adesso vorrei esprimere qualche dubbio a te e a chi altro ci leggerà, visto che è stato argomento di dibattito post film, perlomeno per quanto mi riguarda :D

    - Durante gli scontri ho avuto la sensazione che il gruppo di "ribelli" fosse più violento della parte opposta, e non di poco, impressione mia?

    - Visione: non ci fa una bella figura, e, sul più bello, non è chiaro cosa realmente sia successo (io propendo per una scelta/valutazione errata per empatia nei confronti di Scarlet Witch, altri per condizionamento vero e proprio).

    - Scarlet Witch: schierata senza un vero perché (considerando Ultron), ma subito attiva e parecchio "materiale", non ci va di certo leggera.

    - Clint: boh, compare dal nulla con le idee chiare e poi manifesta un sarcasmo, secondo me, fuori dal personaggio (specialmente nei confronti di Iron Man). Ok le antipatie, ma mi è sembrato un po' troppo.

    Sono curioso di ricevere altre opinioni su questi miei dubbi :D

    Le conferme e le scelte azzeccate rimangono per me: Spidey, Pantera Nera e, anche se sono un po' di parte, Vedova Nera.


    PS: si sbrigassero a fare i nuovi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto grazie per il bel commento e andiamo con ordine:

      Partiamo dalla divisione ideologica alla base del film. Qui mi sembra, come succedeva nel fumetto, che le prese di posizione siano chiare. Maggiore sicurezza a scapito della libertà, maggiore libertà a scapito di una parte di sicurezza. E' un dibattito politico, attuale, che troviamo spesso per diverse questioni ogni giorno in ogni tg. La rottura tra i due schieramenti si basa su questo punto, per me abbastanza giustificato il dibattito e da qui il proseguio del film.

      I pezzi si metteranno insieme da soli, c'è aria di maggior distensione nell'atteggiamento di Tony e nella lettera di Cap già sul finale del film, l'ira accesa e l'astio sembrano già mitigate.

      Per quel che riguarda la violenza dei due schieramenti ammetto di non averci fatto troppo caso, chi si fa male in misura maggiore nei due gruppi lo fa per un errore e non per scelta volontaria dell'avversario.

      Visione: conoscendo anche i fumetti, per me scelta volontaria in favore di Wanda.

      Clint è storicamente un personaggio che non se le tiene, famosi i suoi battibecchi con Cap in tantissimi episodi di Avengers, ci sta, forse usato troppo poco in questo film.

      Questi ovviamenti sono pareri personali, parliamone pure ;)

      Elimina
    2. Ma che scherzi? Lo sai che è un piacere quando le nostre passioni si incrociano ;)

      Partiamo da un presupposto: il fumetto non l'ho letto, o meglio, ho iniziato a leggerne la versione "gazzetta"*** subito dopo il film (e ho anche il romanzo nella coda infinita di lettura XD). Detto questo, facevo riferimento proprio alle situazioni tipo "lo diciamo a Stark? no", fino all'altra cosa tenuta nascosta (a Stark) e svelata (ma Cap la sapeva già) nel finale (non farmi spoilerare troppo per chi non ha visto XD). La questione etico/morale sulla libertà/guinzagliodel governo è sì scaturente, ma i danni e il distacco pare siano generati da altro (per me, eh).

      Sulla lettera concordiamo: unico escamotage per far tornare le cose come dovrebbero... sempre che poi non se le diano di nuovo viste le scoperte familiari XD

      Per Visione e Clint, forse si è favorito un pochino di più il pubblico leggente, o solo gettare qualche momento qui e là per non dire troppo altro e destare una giustissima curiosità.

      E per finire, il punto cruciale: la violenza. Io non ci ho visto casualità in alcuni momenti. Per esempio Spidey, è un ragazzino, lo capiscono, poi ne saggiano la forza, ma è pur sempre un ragazzino... massì tiramogli roba enorme addosso e cerchiamo di pestarlo XD In più, per tornare alla cara Witch: considerando che è l'unica che in qualche modo può contrastare Visione, approfittando palesemente dei "sentimenti" di lui (e già sta cosa me l'ha fatta un po' entrare in odio XD), mi è sembrato che pestasse per far male (o per dare comunque una forte dimostrazione di forza) e non limitare i danni o dare tempo agli altri di scappare. Lei, più di tutti gli altri, mi è sembrato che agisse quasi più per motivazioni ignote allo spettatore, o per considerazioni che gli autori hanno fatto in modo di non farle svelare :D

      Non so se ho reso bene l'idea, ma, a distanza di una settimana circa, ho ancora queste sensazioni contrastanti che nulla tolgono al piacere del film, lo ribadisco, ma che mi fanno venire gli occhi a punto interrogativo più o meno così ?_? :P

      ***
      non so nemmeno se la versione "gazzetta" sia fedele con le uscite da fumetteria passate: è il mio primissimo approccio di un certo peso con la Marvel cartacea.

      Elimina
    3. Sicuramente Gazzetta sta ripubblicando la Civil War originale, quindi sì, il materiale è esattamente lo stesso. Conta che nel film c'è ovviamente qualche libertà (ad esempio la rivelazione sottaciuta fino al finale alla quale anche tu alludi nei fumetti non esiste, vado a memoria ma ne sono praticamente certo), c'è qualche differenza e la storia è amalgamata a un'altra sequenza di racconti che è quella che riguarda il Soldato d'Inverno scritta da Brubaker sulle pagine di Cap (mentre la Civil War è di Millar).

      In generale chi conosce la Marvel cartacea può godere dei film con un livello di conoscenza e di chiavi di lettura in più, azzardando magari maggiori supposizioni...

      Su Scarlet che dire... bisognerebbe sapere quali piani hanno per lei i capoccia dei Marvel Studios, potrebbero esserci sviluppi molto interessanti e trame ad ampio raggio da far scaturire dal suo personaggio, prima però bisognerebbe appianare qualche questione legata ai diritti di alcuni personaggi in mano ad altre case cinematografiche.

      Vedremo...

      Elimina