mercoledì 24 settembre 2014

GOTHAM - EPISODIO PILOTA

Come da copione. Per narrare le vicende di una Gotham parecchio pre-batmaniana ci si affida a un evento cardine che più batmaniano non si può: la morte di Thomas e Martha Wayne, genitori del piccolo Bruce (David Mazouz) futuro Cavaliere Oscuro e protettore della città. Siamo in un passato non troppo remoto e non ben identificato, in una metropoli oscura in bilico tra degrado reale e fronzoli fumettistici, ben rappresentata per il piccolo schermo e già sulla via della violenza, del marciume e della corruzione.

La storia è nota, almeno per gli amanti del fumetto e per chi ha vissuto più o meno nei paraggi della Terra negli ultimi settantacinque anni. In un vicolo buio, il giovane Bruce Wayne assiste impotente all'omicidio dei suoi genitori da parte di un rapinatore a volto coperto, le indagini del caso vengono affidate alla coppia di detective Harvey Bullock (Donal Logue) e James Gordon (Ben McKenzie). Proprio questi sono i due protagonisti principali di questo pilota, il primo è ormai un veterano che pensa più ai fatti suoi che alla giustizia, un poliziotto intrallazzato e in odore di corruzione, il secondo è un novellino in gamba e deciso ma che si trova spiazzato in un ambiente che deve ancora imparare a conoscere.

I due protagonisti hanno i volti giusti e sono ben delineati nei loro caratteri, soprattutto il futuro Commissario Gordon che lascia intravedere da subito la tempra dell'uomo che diverrà e che pone da subito le basi di un rapporto che si rivelerà duraturo con il piccolo Wayne (in un modo o nell'altro e per forza di cose). Il serial è ambientato in una Gotham in cui ancora non circolano supereroi e supercriminali anche se le sue strade e i suoi edifici sono pieni di nomi e di volti noti che magari non diranno molto agli spettatori occasionali ma che faranno subito drizzare le orecchie a chi di Batman ha letto perlomeno qualcosina.


Per i fan si può aggiungere che non tutti i conti tornano, parliamo di un'epoca in cui Bruce è ancora un bambino, coerente quindi la scelta di inserire avversari noti del pipistrello bambini anch'essi o comunque molto giovani (e ce ne sono già parecchi fin da questo pilot), un po' meno quella di trasportare alcuni elementi del Gotham City Police Department (o che almeno nel fumetto ne fanno parte) in età già adulta tra le strade di questa Gotham. Piccoli dettagli comunque, l'elemento cardine di ogni serie deve rimanere sempre la buona narrazione e mi sembra che al momento in Gotham questa non faccia difetto.

Il pilot lascia ben sperare, Gotham è un prodotto che si differenzia molto da Arrow così come da Constantine (almeno giudicando anche questa dal solo pilot) e probabilmente si discosterà parecchio anche dal prossimo The Flash. Ci aspetta una serie da toni molto urbani, molto più vicina ai generi del poliziesco e del noir (forse), che per ora mantiene il mistero su come verranno gestiti personaggi destinati nel prossimo futuro a divenire tutine, colorate od oscure che siano. Le scelte di cast sembrano azzeccate, scelte che qui non svelo per non rovinarvi il gusto di scoprire da soli questo o quel personaggio, un paio di volti lo sono davvero molto. Anche le scenografie rendono un buon servizio alla storia e questo primo episodio si lascia guardare molto volentieri. Auguriamoci allora di trascorrere qualche ora piacevole tra le strade di Gotham in attesa di un pipistrello che qui forse non arriverà mai.

Jim Gordon e Harvey Bullock

20 commenti:

  1. pilot telefonatissimo.
    per quanto mi riguarda, una serie che promette male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Marco, tu sei prevenuto su qualsiasi roba arriva da Marvel, Dc e compagnia bella :)

      Certo il plot è noto, almeno a molti, la storia è risaputa, non è che ci si può discostare più di tanto, però le pedine sono ben messe in campo, visivamente non mi è dispiaciuta e rimane la curiosità di vedere la crescita dei vari personaggi come verrà esplorata. Volendo Arrow ed Agents of S.H.I.E.L.D. potevano essere considerate meno promettenti di questa, poi che magari a te faccian cagare entrambe è un altro discorso :)

      Ma io mi chiedo... perché ti ostini a guardarle? :)

      Elimina
  2. La guarderò senz'altro. Mi aspetto però una serie molto nera, dalle tinte hard boiled. Spero non si dia troppo spazio a eroi e criminali adolescenti, perché a vedere certe scene dal trailer esteso, la cosa sembra stonare parecchio. Vedere una bambina che già si veste come la catwoman adulta è proprio un po' chip :)
    Meno telefonata è invece la presenza dei giovani Cablepot e Edward Nigma. Speriamo bene, perché materiale per fare cose buone ne hanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento alcune comparsate, tipo quella di Catwoman da piccola o quella di Poison Ivy sono più che altro arredo con qualche scintilla per sviluppi futuri (soprattutto per Ivy), altre presenze, come quella di Cobblepot sono invece più significative. Non mi dispiacerebbe veder inserire pian piano i vari membri dell'GCPD anche se snaturati per età, Montoya ad esempio è qui molto più vecchia di Bruce. Come dici tu di materiale ne hanno, la partenza non mi è dispiaciuta, giudicheremo meglio più avanti.

      Elimina
  3. Non mi ispira poi molto, ma lo guarderò di sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace l'universo batmaniano, se ne conosci personaggi e risvolti, credo lo troverai piacevole. Altrimenti guarda il pilot e poi giudicherai tu stesso :)

      Elimina
  4. Da profana posso solo dire che mi ci accosterò con curiosità!
    Non avevo la minima idea di cosa trattasse, ma sapere che comunque rispecchia a grandi linee quello che è il fumetto, promette molto più di quelli che spesso vi si discostano (a prescindere dai fumetti, spesso anche i film "liberamente tratti da" alcuni libri fanno venire l'orticaria)! Quindi pollice su e speriamo non deluda! :)
    Le premesse, comunque, sembrano buone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me questo pilot non è dispiaciuto per niente, l'ho preferito ai recenti Constantine (al quale però darò comunque qualche possibilità) o a quello sullo S.H.I.E.L.D. dell'anno passato (che pure ho guardato tutto, tutta la serie intendo). Dagli una possibilità, poi mi saprai dire :)

      Elimina
  5. Non amo per nulla il concetto delle serie televisive.
    Faccio ovviamente certe eccezioni.
    In questo caso Gotham mi sembra promettere bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella serialità io ho trovato cose davvero ottime e anche piacevoli passatempi. Molto spesso mi capita di non avere due ore da investire in un film ma magari 40 minuti su un episodio di un serial sì e quindi...

      Elimina
  6. Beh, per rispondere anche a Marco Goi forse l'errore che si fa spesso (magari lo faccio anche io ) è il voler per forza considerare una serie come questa senza tenere a mente che per forza sarà un prodotto con un suo target ben preciso. Mi spiego meglio: è difficile creare una serie su Batman, Superman o altri personaggi iconici senza scontentare per forza parte dei lettori abituali del fumetto, è sempre difficile anche riuscire a dire qualcosa di nuovo per avvicinare quelle persone che invece non leggerebbero mai un fumetto.
    Se ci facciamo caso, le stesse discussioni o polemiche nacquero a suo tempo per Smallville (prodotto molto diverso da Gotham, mi rendo conto...)
    Per quanto mi riguarda io giudicherò Gotham dopo averne visto diversi episodi, per adesso mi limiterò a godermi la visione senza pregiudizi o eccessive aspettative di sorta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo fai bene, questo è il mio giudizio di massima sul pilot, un singolo episodio che non può essere più di tanto indicativo, però non mi è sembrato male. Ovvio che alcuni riferimenti ed elementi di serie come questa son messe lì a strizzare l'occhio a un certo tipo di pubblico, sono nel peggiore dei casi simpatici omaggi e un piccolo valore aggiunto per alcuni, elementi assolutamente prescindibili per altri. Anche a me, da lettore di comics, capita di non apprezzare alcune opere tratte da essi, non tanto perché se ne discostano o perché poco fedeli all'originale, semplicemente perché sono fatte con i piedi. Non mi sembra il caso di Gotham, almeno al momento.

      Elimina
  7. Magari il pilot lo guarderò anche se dell'universo Batmaniano conosco davvero poco. Se il taglio è più noir che supereroistico potrebbe anche non essere un male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intenzione sembra quella di andare più verso il poliziesco e i suoi derivati, certo ci sono i personaggi della Bat-Family ma in veste criminalborghese al momento... :)

      In fondo Cyclops was right!

      Elimina
  8. Ora per colpa tua muoio di curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura :) Tra poco comunque dovrebbe sbarcare su Italia 1 in chiaro, almeno i primi episodi.

      Elimina
    2. Non vedo l'ora che Gotham cominci su merdiaset premium... .
      E a proposito si serie tv, ieri sempre sul canale a pagamento del berluska è iniziato Orange is the new black. I primi due episodi strepitosi!!!
      X l'ennesima volta mi sono trovato a pensare: in America (e in Inghilterra) fanno queste cose, e qui siamo ancora a medici in famiglia e don mattei... . Tristezza... .
      Capisco che mamma rai non possa osare poi troppo, ma una rai3 o una rai4 non potrebbero provare a vedere se in Italia si riesce a fare qualcosa all'altezza?
      O anche qualche tv privata come La7 o Cielo (che spesso ereditano le poche cose buone fatte sul nostro suolo da Sky)

      Elimina
    3. Hai ragione. La fiction italiana la seguo davvero poco, negli ultimi anni le uniche cose che ho trovato meritevoli, magari andando sui generi, sono state Boris per la commedia, Coliandro per il poliziesco/commedia e Montalbano che mi sembrava un bel prodotto. Ovviamente mi son perso un mare di roba, tutti hanno parlato benissimo di Romanzo Criminale ad esempio che io non ho visto e qualcos'altro di buono ci sarà pur stato... certo che se si guarda solo alla produzione oltremanica, senza varcare l'oceano, la nostra situazione sembra agghiacciante.

      Elimina
    4. Hai sicuramente citato le poche cose buone, nessuno chiede ai fictionari italiani di fare gli ammericà, ma mostrare più coraggio nei temi e nelle sceneggiature quello sì... . Come fai, se non sei in un'età da casa di riposo, a pagare un abbonamento per l'ennesima stagione di Linibbanfi ,Terencehilli e LandiBuzzanchi ottuagenari? X una tv italiana che offra qualcosina che non annulli i neuroni e basta sono disposto a pagare il giusto, x l'ennesima fiction con carabinieri, santi, martiri e beppifiorelli vari no!

      Elimina
    5. Purtroppo sembra che per progetti come questi manchino sempre i fondi, da tempo si vociferava di un Coliandro 5 e invece i Manetti hanno dovuto ripiegare sul Commissario Rex :(

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...