domenica 31 agosto 2014

RALLYE MONTE-CARLO

Alcuni mesi or sono, parlando dei fumetti dedicati a Michel Vaillant, accennavo a come mi sarebbe piaciuto usarli come spunto per creare qualche post un po' insolito per questo blog. Chi mi segue da qualche tempo o chi mi conosce personalmente sa che non nutro una particolare passione per le automobili, cedo però volentieri al fascino del design proveniente dal passato e a quello delle vecchie auto. Tenendo anche conto che l'unico post dedicato al mondo dei motori presente in questo blog continua a essere tra i più apprezzati e visitati ho deciso di proporre qualcos'altro a tema.

Nella prima breve storia in cui Jean Graton ci presentava il suo eroe, il pilota Michel Vaillant, la sfida da affrontare era proprio quella offerta dal Rally di Monte Carlo (Rallye in francese, da qui il titolo del post).

Il Rallye Monte-Carlo nasce nel 1911 per volere di Alberto I e nelle sue prime edizioni più che una vera gara sportiva aveva la funzione di passerella e di attrazione per convogliare verso Monaco l'elite europea e i suoi esponenti. I partecipanti partivano da diverse località europee per terminare la loro corsa nel Principato di Monaco. Ad avvalorare la flebile appartenenza alla categoria degli avvenimenti sportivi propriamente detti c'era un regolamento che mischiava il piazzamento delle vetture (media oraria) a giudizi arbitrari quali eleganza, condizioni dell'auto all'arrivo e cose simili. Il regolamento cambierà nel corso degli anni trasformando questa gara nel rally più conosciuto e rispettato nell'intero circuito del Mondiale Rally.

Non esente da qualche polemica dovuta al regolamento di cui sopra, la prima edizione datata 1911 se la aggiudica il francese Henri Rougier su Turcat-Mery 25HP partito da Parigi e trionfante su una rosa di 23 partecipanti.

1911 - Henri Rougier su Turcat-Mery 25HP


L'edizione dell'anno seguente, non ancora inquadrabile come competizione sportiva vera e propria, se la aggiudica il francese Jean Beutler a bordo di una Berliet 16HP. Proprio a causa del regolamento e dell'organizzazione approssimativa il Rallye Monte-Carlo viene cancellato fino alla sua ripresa nel 1924.

1912 - Jean Beutler su Berliet 16HP


Dopo una pausa di dodici anni il Rallye Monte-Carlo torna per restare, con un regolamento che anno dopo anno verrà modificato per evitare che le migliorie tecniche e meccaniche delle auto lo rendano una corsa troppo semplice. Il percorso montano, che si svolge in gran parte più a Nord del Principato di Monaco, e la percorrenza dello stesso in inverno (Gennaio) sono tra le caratteristiche che hanno reso celebre questa corsa. Nei primi anni il regolamento punta più sulla regolarità della prestazione che non sulla mera velocità. Sia come sia alla ripresa, nel 1924, ad aggiudicarsi la prova è il belga Jacques Edouard Ledure su Bignan.

1924 - Jacques Edouard Ledure su Bignan


Nel 1925 è l'ingegniere francese Francois Repusseau a portarsi a casa il titolo su una Renault 40CV partita da Tunisi, a 4500 chilometri dal punto di ritrovo parigino.

1925 - Francois Repusseau su Renault 40CV


In questi anni vengono introdotte anche alcune sottocategorie che andranno a formare classifiche separate, come la Coppa delle Dame alla quale partecipano equipaggi con donne a far da navigatore e classifiche per cilindrate minori. Nel 1926 arriva la prima vittoria britannica a opera dell'onorevole Victor Bruce accompagnato dalla moglie Mildred anch'essa abile pilota nonché celebre aviatrice. L'auto era una AC.

1926 - Victor Bruce su AC


Nel 1927 è un nome di tutto rispetto ad aggiudicarsi il Rallye Monte-Carlo. Il nome di André Lefèbvre forse non è noto ai più ma appartiene all'ingegnere francese che insieme al nostro Flaminio Bertoni progetterà in seguito la Citroen DS e prima ancora la Citroen 2CV (scusate se è poco). All'epoca della sua vittoria guidava una Amilcar 1.1 di cui non ho trovato foto storiche. Il 1928 vede trionfante un'auto italiana pilotata dal costruttore francese Jacques Bignan che in questa occasione non pilota un'auto appartenente alla sua scuderia bensì una Fiat 509, prima utilitaria prodotta negli stabilimenti del Lingotto a Torino.

1928 - Jacques Bignan su Fiat 509


Nel 1929 vince quello che diventerà un veterano della competizione con ben quindici presenze al rallye, parliamo dell'olandese Sprenger Van Eijk che si aggiudica questo titolo su Graham-Paige 27CV.

1929 - Sprenger Van Eijk su Graham-Paige 27CV


Ancora francese la vittoria che apre il nuovo decennio, il 1930 vede trionfare il pilota Hector Petit alla guida di una Corre-La-Licorne torpedo.

1930 - Hector Petit su Corre-La-Licorne


Donald Healey, ingegnere aeronautico prima e automobilistico poi, dopo un'avventurosa carriera trascorsa al servizio dell'aviazione inglese in tempo di guerra, diverrà progettista per la Triumph. Nel 1931 si concede la vittoria del Rallye Monte-Carlo a bordo dell'Invicta type S 4.5.

1931 - Donald Healey su Invicta


Primo pilota a infilare una bella doppietta a Montecarlo è il francese Maurice Vasselle che si aggiudica le edizioni 1932/33 entrambe a bordo di due Hotchkiss, prima sul modello AM2 e poi sul modello AM80S.

1932 - Maurice Vasselle su Hotchkiss AM2

1933 - Maurice Vasselle su Hotchkiss AM80


L'anno seguente vince il francese Louis Gas anche lui su Hotchkiss AM80 (foto assente) mentre il 1935 vede trionfare la Renault Nerva Grand Sport pilotata dal francese Charles Lahaye.

1935 - Charles Lahaye su Renault Nerva Grand Sport


Nel 1936 un team ben affiatato porta a casa la vittoria, si tratta del rumeno Ion Zamfirescu, in precedenza campione nel suo paese in ambito motociclistico e Petre G. Cristea che vincerà in carriera più di trenta competizioni automobilistiche. Partiti da Atene per la parte di avvicinamento a Monaco, si narra che il duo viaggiasse con tanto di revolver al seguito perché in alcune zone del tracciato non era impossibile incontrare gruppi di lupi famelici, verità o leggenda? L'auto a disposizione dei due piloti rumeni era una Ford V8.

1936 - Zamfirescu/Cristea su Ford V8


Nel 1937, in seguito alla squalifica per problemi d'omologazione alla vettura dello stesso Cristea, la vittoria torna ai francesi con il futuro vice presidente dell'Associazione Francese dei Piloti Automobilistici: René Le Bègue. L'auto era una Delahaye 135 MS Spéciale, auto che nel suo segmento ebbe un grande successo commerciale di vendite.

1937 - René Le Bègue su Delahaye 135 MS


Altro vincitore, olandese questa volta, partito da Atene. A bordo di una Ford V8 coupé sarà Gerard Bakker Schut ad aggiudicarsi l'edizione 1938.

1938 - Gerard Bakker Schut su Ford V8 Coupé


Chiudiamo questa prima carrellata salutando gli anni '30 che vedono, per la prima e unica volta, una vittoria a parimerito. A bordo di una Hotchkiss 686 GS troviamo l'allora già veterano delle corse Jean Trévoux, vincitore poi di ben quattro Rallye Monte-Carlo, su Dalahaye 135 M trionfa invece Joseph Paul, entrambi i piloti sono di nazionalità francese.

1939 - Jean Trévoux su Hotchkiss 686 GS

1939 - Joseph Paul su Delahaye 135 M


Spero che questo excursus, tutt'altro che completo ed esauriente, abbia suscitato l'interesse di qualcuno di voi lettori, fatemi sapere se post di questo genere sono di vostro interesse e gradimento anche perché reperire foto e informazioni di questo tipo richiede un impegno non indifferente almeno in termini di tempo. Più che altro la creazione di questi post è l'occasione per ammirare dei fantastici modelli d'auto retrò, mi sono lanciato quindi nel reperimento di immagini più moderne dei modelli sopra citati. Penso di aver trovato diverse immagini interessanti, tenete conto che le auto iscritte ai vari rallye a volte differivano per qualche piccolo particolare: la posizione dei fanali, i paraurti, etc... ammiriamole ora in tutto il loro splendore (almeno quelle che sono riuscito a trovare).

Renault 40CV vincitrice nel 1925


AC vincitrice nel 1926


Amilcar 1.1 vincitrice nel 1927 (foto storica assente)


Fiat 509 vincitrice nel 1928


Graham-Paige 27CV vincitrice nel 1929


Corre-La-Licorne vincitrice nel 1930


Invicta Type S vincitrice nel 1931


Hotchkiss AM2 vincitrice nel 1932


Hotchkiss AM80 vincitrice nel 1933


Renault Nervasport vincitrice nel 1935


Ford V8 vincitrice nel 1938


Delahaye 135 M vincitrice ex aequo nel 1939


Hotchkiss 686 vincitrice ex aequo nel 1939

Nel caso qualcuno volesse integrare con info e immagini siete i benvenuti.

2 commenti:

  1. Ullallà, gran lavorone, questo post. Capisco quanto sudore possa costare trattare un argomenti al di fuori delle nostre passioni. Anch'io non sono mai riuscito a farmi piacere il mondo delle corse (da giovanotto ho seguito assiduamente la F1, ma poi me ne sono praticamente dimenticato), ma quello delle auto d'epoca invece si :)
    In particolare proprio la storia di certe case automobilistiche. Non a caso un film che mi è piaciuto parecchio è Tucker - L'uomo e il suo sogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che tirare su questo post è stato un bello sbattone, spero venga apprezzato, io intanto mi sono divertito a tirarlo su. Le auto d'epoca (ma anche solo quelle anni '60/'70) hanno un fascino irresistibile. Mi appunto il titolo del film che non avevo mai preso in considerazione :)

      Elimina