lunedì 8 dicembre 2014

MANGO

E così, con grande tristezza, un altro pezzo della nostra vita, dei nostri ricordi se n'è andato all'improvviso, lasciando un po' di amarezza e tanta nostalgia. Forse chi frequenta questo blog si stupirà un pochino di questo pezzo dedicato a Mango ma si sa, la forza della musica è universale e si insinua nei luoghi, nei cuori e nelle menti più inaspettate. Nonostante i miei percorsi musicali abbiano preso strade parecchio distanti dalla produzione di Mango è con grande affetto e rispetto che ricordo molti dei lavori del cantante lucano. In qualche modo buona parte della sua produzione permea i ricordi della mia infanzia, Pino Mango è stato per molto tempo uno dei cantanti preferiti della mia mamma che oggi sicuramente sarà un po' triste anche lei. Diverse volte i regali in famiglia per la mamma sono stati i dischi di Mango (quando per disco a casa nostra si intendeva la vecchia musicassetta), soprattutto nel periodo di Inseguendo l'aquila, Sirtaki e Mediterraneo. Quest'ultimo album in particolare accomuna nel forte apprezzamento sia mia madre che mia moglie, cosa abbastanza rara peraltro (che qualcosa accomuni mia madre e mia moglie intendo).

E' inutile star qui a parlare della voce di Mango, di canzoni e talento. E' per me un artista che vive nei ricordi il più vivido dei quali, seppur non il primo, rimane l'esibizione a Sanremo del 1986 con il brano Lei verrà, canzone che mi sono ritrovato a canticchiare per tutta la tarda mattinata e del quale ho riscoperto il video con un Mango dall'acconciatura improponibile. Uno di quei pezzi che mi piaceva all'epoca, da bambino, e apprezzo tutt'ora, ricordi da un'epoca lontana dove Sanremo era ancora un appuntamento imperdibile che calamitava tutta la famiglia, nonni compresi, davanti al televisore.

Questo solo per dire che un pochino, in qualche modo, Mango la nostra vita l'ha riempita, forse un poco più di tanti altri. E una volta ancora tutto sembra così ingiusto, arbitrario, cattivo. Lascio perdere riflessioni che ho già espresso in passato su queste pagine, approfitto per dedicare a Giuseppe Mango questo breve post con tutta l'umiltà e l'affetto possibile.

Ciao Pino.


14 commenti:

  1. eh si, l'ho saputo all'ora di pranzo, me l'ha detto mia madre...poraccio :(

    RispondiElimina
  2. Non è mai stato tra i miei ascolti, ma spiace se ne sia andato... con il pizzo, assomigliava in modo straordinario ad un mio grande amico.

    RispondiElimina
  3. Ci sono rimasta molto male....mi unisco a te...le tue riflessioni sono le mie...
    Un abbraccio Firma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio, cercherò di passare dalle tue parti, è un po' che manco...

      Elimina
  4. Non lo voglio negare... non ascolto una canzone di Mango da almeno 15 anni.
    Però mi dispiace davvero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non ascoltavo più Mango da decenni (oggi mi sono rifatto un po'), i miei ascolti sono andati in tutt'altra direzione. Rimane il forte dispiacere per un artista che rispetto e al quale sono legato per ricordi affettivi del passato e che se n'è andato davvero troppo presto.

      Elimina
  5. Ho saputo! Uno di quei casi in cui io canticchio molte sue canzoni, senza sapere che sono sue (e con meno di un decimo della sua voce). Almeno, dico, è morto cantando.. non so, a me sembra una consolazione.
    (appena si ripristina una connessione a livelli accettabili mi guardo il video con l'acconciatura particolare)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sì, è morto praticamente sul palco, facendo quello che amava. Non so se a soli 60 anni sia una consolazione. Oggi poi, complice magari anche il dolore, se n'è andato anche suo fratello. Terribile.

      Elimina
  6. -Lei verrà, io ne ho già sete...
    -Con le chiese Mediterraneo da pregare...
    -Bella d'Estate vai...via da me...
    -Ma questi Sirtaki danzano se sempre ti riesce...
    -Australia monti alti mare aperto, cielo immenso nel deserto...
    -Nonostante tu sia la mia Rondine andata via, stessa luna 🌙 a metà...
    -E Amore per te, tanto più da non sapere quanto,io passerei tra le tue dita c passerei tutta la vita...
    -Luce che purifichi i miei sogni scendi piano, dentro me...
    -Monna Lisa sai,Monna Lisa nn dirmelo mai,ho paura che ne soffrirei troppo..
    -Dove,dove vai vattene piano,lasciami un segno così...
    -Oro oro oro, quanto oro t darei...
    E tanti altri capolavori pronti a farci respirare e sognare. Il senso della sua voce,l'esprimersi con certi vocaboli rende e renderà d lui il vero Mediterraneo. Caro Mango la tua voce sarà x noi un grande dono! Canta con gli angeli e artisti che sono lassù, nell'alto dei cieli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, è passato già più di un'anno dalla sua scomparsa e in quanti l'hanno raggiunto in questi mesi... tristezza.

      Elimina