sabato 25 luglio 2015

WAYWARD PINES

Ammetto di essere stato contagiato dall'hype creato sul web e su alcune riviste per la messa in onda di Wayward Pines. Al solo pensiero di poter vedere un serial che già nelle intenzioni prometteva di omaggiare Twin Peaks, pur sapendo che non sarebbe riuscito nemmeno ad avvicinarsi alle vette toccate dal precedente, sono andato in brodo di giuggiole.

Diciamo pure che il mio entusiasmo non era giustificato, vuoi perché degli elementi cari ai fan di Twin Peaks non sono poi molti (ambientazione, mistero), vuoi perché la qualità generale della serie si è rivelata decisamente inferiore a quello che avrebbe dovuto esserne l'ispiratore.

Ma mettiamo da parte ogni scomodo paragone e concentriamoci su Wayward Pines. La serie, tratta dai romanzi di Black Crouch, a mio avviso non parte affatto male mischiando la provincia americana, atmosfere minacciose e diverse situazioni misteriose difficilmente spiegabili. In più il volto familiare del protagonista, quello di Matt Dillon, pur non appartenendo a un grandissimo attore, crea subito empatia e per qualcuno forse anche un pizzico di nostalgia. Insomma, non si era partiti male e la curiosità dello spettatore veniva solleticata fin da subito.

Nel corso di un'indagine federale l'agente Ethan Burke (Matt Dillon) si trova coinvolto in un brutto incidente stradale nei pressi della cittadina di Wayward Pines. Risvegliatosi in ospedale Burke si rende conto poco a poco che le persone che lo circondano, in particolar modo l'infermiera Pam (Melissa Leo), nascondono qualcosa e si comportano con un velato fare minaccioso. In seguito l'agente Burke scoprirà come lasciare Wayward Pines non sia affatto facile.

Ma le stranezze non si limitano a questo. Oltre all'aspetto misterioso/investigativo della vicenda, la serie apre da subito a possibili derive sovrannaturali, fantastiche o fantascientifiche, perché i conti non tornano e a tutte le cose che a Wayward Pines sembrano dannatamente fuori posto bisognerà pur dare una spiegazione.


Così la serie prosegue, non priva di incongruenze e passaggi poco chiari, fino alle rivelazioni di metà stagione (attorno alla quinta puntata) dove in un paio di episodi arrivano tutte le spiegazioni che lo spettatore aspettava (e che magari inconsciamente non voleva). A questo punto la serie perde un poco di interesse, almeno per me così e stato, il fascino del mistero spazzato via almeno in parte da una realtà fantastica ma non così interessante e avvincente.

Nel complesso Wayward Pines si è rivelata una serie discreta, un buon intrattenimento non privo di sbavature e imperfezioni con un finale che lascia aperte le porte per un eventuale prosieguo che pare non ci sarà. In giro per il web si parla di occasione sprecata, in realtà io la vedo più come una realizzazione non perfettamente centrata. Poteva essere meglio ma non è stata poi così male, in fondo parliamo solo di una decina di puntate che scivolano via bene.

Da segnalare nel cast altri volti noti come Carla Gugino, Toby Jones e Juliette Lewis.


13 commenti:

  1. Uno sguardo penso che lo darò, senza particolari aspettative a questo punto.
    Comunque, a mio parere, l'unico possibile erede (anche se è sempre ingiusto fare paragoni) di Twin Peaks è Les Revenants (non vedo l'ora che esca la seconda stagione...)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, Les Revenants ancora mi manca, ottimo consigli, con i miei tempi troverai qui un commento sulla serie tra quindici/vent'anni! :)

      Elimina
  2. Senza grandi aspettative ho gustato Wayward Pine per quello che è: buon intrattenimento. Matt Dillon non è sicuramente un divo nel senso classico del termine, ma è sicuramente un bravissimo professionista (consiglio a tutti di vedere "Crash- contatto fisico).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crash è uno di quei film che credo siano di grande interesse ma che ancora non sono riuscito a vedere. Per quel che riguarda WP comunque io lo consiglio, in fondo dieci puntate si possono guardare anche se non si tratta proprio di capolavoro.

      Elimina
    2. Sono daccordo. Per quello che riguarda Crash, io te lo consiglio. Credo che sia un film da vedere da soli, in tranquillità.

      Elimina
    3. Con i miei tempi prima o poi lo guarderò sicuramente ;)

      Elimina
  3. 2 cose hanno attratto la mia attenzione:

    - il riferimento a Twin Peaks, con relativa partenza automatica della OST di Badalamenti in testa

    - la presenza di Siobhan Fallon (riconosciuta nella foto) che ricordo per il negoziatore e MIB (corsi e ricorsi :P)

    Da un po' di tempo a questa parte, non riesco più a seguire molto le serie TV, salvo poi farmi maratone quando qualcosa cattura il mio interesse, divorando n-mila puntate in tempi disumani :D è il caso di farlo anche per questa? o meglio impiegare il mio tempo in altro? (nel caso, fuori i titoli!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se devi impiegare del tempo su una serie tv, e parliamo di neanche molto tempo per vederla tutta, opta per Black mirror, una serie di cui ho parlato più volte (puoi recuperarti i miei post) e che reputo la più intelligente del panorama televisivo. Due stagioni, 3 puntate l'una, più uno speciale. Episodi slegati uno dall'altro ma che inevitabilmente ti lasceranno tutti di stucco (o di merda come si suol dire). Imperdibile.

      Poi puoi guardarti anche Wayward Pines, son solo una decina di episodi.

      Elimina
    2. Uhm interessante, segno e vado poi a spulciare i tuoi post (meglio prima la serie e poi i post o viceversa o li mischio?)

      Il numero di episodi non mi preoccupa: ho divorato velocemente serie come Battlestar Galactica (e non sono pochi episodi XD), al momento ho necessità di avere di qualcosa che stimoli bene la mente, la curiosità e la riflessione, perché ho poco tempo a disposizione e vorrei sfruttarlo nel miglior modo possibile :D

      Elimina
    3. Di solito io non faccio spoiler nei post quindi puoi leggerli tranquillamente quando vuoi per farti un'idea. Se cerchi stimoli deve essere Black Mirror, non c'è storia!

      Elimina
    4. Mi fido, aggiudicato!

      Appena possibile riceverai mie notizie dove si conviene :D

      Elimina
  4. In ritardo sul post aggiungerei da vedere True Detective.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, si, è un'altra di quelle serie in lista d'attesa insieme a Breaking Bad, Fringe e una marea di altra roba.

      Elimina