domenica 10 gennaio 2016

STAR WARS - EPISODIO II - L'ATTACCO DEI CLONI

(Star Wars: Episode II - Attack of the clones di George Lucas, 2002)

Poof, così scoppia una bolla di sapone. A fine visione la domanda che mi è venuto spontaneo farmi è stata: "ma con questo secondo episodio l'abbiamo fatto un passo avanti rispetto al precedente?". In tutta risposta nella mia testa vuota è risuonato un sonoro... poof.

Diciamo pure che a conti fatti, per quel che concerne lo sviluppo della storia, L'attacco dei cloni me lo sono goduto (che parolone) un pelino di più rispetto a La minaccia fantasma, più lineare, più scorrevole e con qualche aggancio in più alla costruzione del mito che certo non fa gridare al miracolo. Questo per quel che concerne il puro sviluppo del plot e degli accadimenti contenuti nel film.

Il lato totalmente negativo di questo secondo episodio (che poi in realtà sono due i lati) è che mancano totalmente gli spunti degni di vero interesse. Prendiamo a esempio Darth Maul da La minaccia fantasma. Quello era potenzialmente un antagonista coi fiocchi, affascinante, cattivo. Certo, poi è stato preso e buttato nel cesso. Oggi sono passato davanti a un negozio di giochi e in vetrina, insieme al nuovo Kylo Ren da Il risveglio della Forza, c'era Darth Maul e non un vecchio Christopher Lee (tanto rispetto) nei panni del Conte Dooku, che poi sarebbe l'avversario di questo film. Inizia a intravedersi l'Imperatore (Ian McDiarmid) nei panni che assumerà nella trilogia originale, resta il fatto che in questo capitolo manchi un avversario di peso da contrapporre agli jedi. I malvagi Sith possono consolarsi con il fatto che manchino anche degli jedi di peso, eccezion fatta per il digitale Yoda che comunque continua a farci rimpiangere il suo alter ego in cartapesta (o quel che era) degli anni '80.

Ewan McGregor se risultava passabile come padawan di Qui-Gon Jinn fa più fatica a interpretare in maniera credibile un maestro jedi, sicuramente poco aiutato dal padawan Anakin Skywalker, diciamo pure che come attore Hayden Christensen non è forse tra i più dotati, la coppia di jedi dell'episodio precedente funzionava meglio di questa e aveva più fascino. Sicuramente su Anakin viene fatto un lavoro che contribuisce a dare maggior spessore alla storia di caduta e riscatto finale del personaggio destinato a diventare Darth Vader, passaggi ben sottolineati dalle musiche di John Williams. Natlie Portman è tanto bellina, mi piace molto, certo che il carisma di una Leila Organa è ben lontano.


Manca poi del tutto, e se penso a Jar Jar Binks mi viene da dire per fortuna, il lato umoristico, affidato a poche battute del solito C-3PO, e questa mi sembra una grande mancanza. Ci si riprende un poco andando a ripescare un personaggio come Boba Fett qui visto da piccolo insieme al padre Jango Fett (Temuera Morrison) in una sorta di origini del personaggio.

Mi ero fermato al cinema con l'episodio precedente, questa è la prima volta che vedevo L'attacco dei cloni. Tra i tanti difetti riscontrati il più grande (il secondo lato al quale si accennava sopra) è che oggi, data astrale 9 Gennaio 2016, il film è visivamente brutto da guardare. Si ha la percezione continua che sia tutto finto (lo so che lo è davvero, tranquilli), tutto quanto sterile grafica, fredda e priva di passione. Perché visivamente l'artigianato anni '70 ancora funziona e questa finzione digitale di solo un decennio fa no? Perché il digitale negli ultimi dieci anni è evoluto tantissimo o perché, in fondo, in fondo, è un mezzo senza cuore? (cosa che non credo del tutto vera, basti pensare ai film d'animazione in CGI).

Insomma tra l'episodio I e l'episodio II la mia viva speranza è che il migliore risulti essere l'episodio III.


21 commenti:

  1. Ma perché farti del male così? :-P
    Io ho visto la prima trilogia solo una volta e mi è bastata.
    Ho riguardato qualche spezzone sul tubo, per un sorta di infarinatura prima di vedere Il Risveglio Della Forza.
    Trilogia brutta forte, alcune riprese durante i combattimenti tra jedi e sith sono da mettersi le mani nei capelli, e non mi spiego come attori come Mcgregor e Samuel Lee Jackson si siano prestati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, per prima intendo gli episodi I,II,III di cui stai parlando tu. :-)

      Elimina
    2. Ti dirò, io della trilogia più recente avevo visto solo episodio I al cinema, poi abbandonai. Ora complice l'hype del momento a cui ho ceduto volentieri anche io, ho rivisto con grande piacere la trilogia originale che non rivedevo da anni riuscendo ad apprezzarla ancora (in particolare episodi IV e V). Ho deciso così di recuperare anche l'altra per avere una visione completa della saga, alla fin fine, nonostante gli episodi I e II siano scarsi non mi sono pentito delle scelta. Spero in una chiusura migliore del trittico. Invece il capitolo nuovo visto al cinema mi è piaciuto davvero molto.

      Elimina
    3. Caro Firma, sul tema Star Wars proprio non ci troviamo, praticamente in niente... Mi manca la voglia di srivere lunghe risposte, ma condenso tutto in un'unica domanda: com'è che ti è piaciuto Episodio VII e non il II? Secondo me quest'ultimo è tra i più belli della saga, probabilmente il più bello della "nuova" trilogia. Ma anche il III...
      è che certe cose van viste nel momento giusto...
      D'accordo però sulla bruttezza grafica dell'Episodio I (non il II!!!), già all'epoca inguardabile!

      Elimina
    4. Semplicemente perché il capitolo VII è visivamente impeccabile, il II visto ora, e io come ho sottolineato più volte l'ho visto solo ora, è sorpassato e sembra finto e farlocco. Magari avrebbe fatto un'altra impressione in sala nel 2002 ma l'esperienza con episodio I, non essendo un fan sfegatato della saga, allorà mi bastò. A livello di coinvolgimento emotivo poi a mio avviso non c'è storia, episodio II, nonostante dovrebbe contenere anche una vaga storia d'amore, è freddissimo.

      Elimina
  2. Guardato al cinema e mi era piaciuto, molto più del primo sia per trama, che per le scene spettacolari, anche se manca totalmente il pathos della prima trilogia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come trama anche io, come scritto sopra, l'ho apprezzato più del primo, manca il pathos e sono totalmente d'accordo, però a me visivamente non convince, freddo, plastificato (ma di quella plastica digitale), non so... meglio la versione tradizionale di sicuro.

      Elimina
  3. Sarà che io avevo un estremo bisogno di rialimentare la passione per Star Wars dopo la delusione di "La minaccia Fantasma" ma io non lo trovai malaccio. Certo, sempre troppi effetti speciali (concordo sul fatto che sembri un grande videogioco, a tratti), ma iniziano ad esserci dei buoni spunti di storia che poi vengono ripresi e potenziati anche nel terzo episodio (preparati perché anche lì di effetti si abbonda ma è, per me, il migliore episodio della trilogia, forse l'unico che avesse davvero senso fare). Su una cosa non sono d'accordo: Nathalie Portman è tre spanne sopra Carrie Fisher in quanto a carisma e bravura, ci sono dei passaggi in cui Leia è meno espressiva di R2D2 (C1P8) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo, soprattutto l'ultima frase. E poi non toccatemi Natalìa, che amo alla follia proprio dopo aver visto questa pellicola. E come può essere diversamente? Strabrava, oltre che strabella, con davvero una capacità espressiva sopra la media, altro che Fisher...
      Ma poi, Firma, continuo a non capirti (te e gli altri milioni di persone che hanno apprezzato il VII...): trovi il II fiacco e riescono a convincerti i nuovi personaggi che sembrano usciti da Hannah Montana (non che l'abbia mai vista) e la trama è un patetico reboot/remake di Episodio IV?!.. No, no, non ci siamo proprio ;)

      Elimina
    2. Remake del IV, ma senza tutta l'epicità che già si respirava alla sua uscita, prima ancora che divenisse la leggenda che oggi tutti conosciamo. Il VII è semplicemente inutile, molto di più dei primi tre episodi, period.
      Forse affascinerà la generazione di tua figlia, che per motivi anagrafici non è cresciuta con la saga originale, ma la strizzatina d'occhi fatta ai vecchi fan, dal comunque bravo JJ, proprio non basta.

      Elimina
    3. @ Gae: Partiamo dal commento del Gae con il cui parere, con le debite proporzioni, in fondo sono abbastanza concorde. Io non avevo bisogno di rialimentare nulla, quindi il mio giudizio è stato forse più severo del tuo, ciò nonostante anche per me qui la storia si muove meglio che non nel capitolo precedente. La speranza, alimentata un po' da diversi pareri letti in giro, è che possa crescere ancora nell'episodio III.

      Discorso Portman/Fisher: ci sono i curriculum che parlano, che la Portman sia un'attrice migliore non ci sono dubbi (ed è pure molto più bella a mio avviso, ma questo potrebbe anche non importare). Infatti io ho scritto, e la differenza è importante, che la Portman (in questo film ovviamente) non ha il carisma di una Leila Organa (e non di una Carrie Fisher). Mi viene in mente una battuta che ogni tanto, in esternazioni metalinguistiche, alcuni personaggi recitano: "non sono io, è che mi scrivono così". Leila fa parte del mito, è scritta meglio di Amidala, è capitata in un contesto più fortunato, se volete era un gregario in mezzo a una squadra che funzionava benissimo, non necessariamente composta di campioni ma che andava a segno con facilità. Aveva a fianco Han Solo, qui c'è un Anakin parecchio rigido, insomma, il contesto faceva funzionare un personaggio che quantomeno era decisamente più ironico, aspetto fondamentale a mio avviso.

      Elimina
    4. @ Vik: discorso Portman spiegato sopra, non era mia intenzione sottostimare l'attrice, il problema è più di personaggio se vogliamo, comunque non credo sia questa la sua interpretazione più significativa. Questione VII Vs. II. Beh, il VII gira molto bene, è coinvolgente, non sembra finto (ci siamo capiti, no? Ovvio che è finto :) e anche i personaggi usciti da Hanna Montana (cosa che non mi sembra affatto vera e io un paio di puntate le ho pure viste:) a mio avviso funzionano. Riprende le dinamiche di episodio IV? Può darsi, ti dirò, a me non è sembrato un male, poi da Guerre Stellari non mi aspetto la rivoluzione del cinema come non mi aspetto un film indie ma divertimento, coinvolgimento, pure qualche bella scena madre, magari telefonata ma appagante, insomma, sono andato a vederlo ben conscio che la nuova rivoluzione non passava di lì.

      Elimina
    5. Oh. Giù le mani dal VII che è il più bello di tutti ;)

      Elimina
    6. Il VII anche a me è piaciuto davvero, davvero tanto.

      Elimina
    7. PS: a mia figlia non è piaciuto il VII, sono riuscito a farle vedere l'intera saga della quale ha apprezzato solo alcune cose, due sopra tutte: sti cazzo di Ewoks e... rullo di tamburi... la Principessa Leila (e non Amidala, aaaaarrrghhh!) :P

      Elimina
  4. Il tre è il migliore della trilogia-fuffa. Oddio, ci voleva poco eh...

    RispondiElimina
  5. Nonostante lo abbia rivalutato recentemente, non lo giudico superiore alla Minaccia Fantasma. In un personale classica ipotetica sta all'ultimo/penultimo posto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metterne uno prima dell'altro è dura, questo mi è sembrato meglio per la trama, l'altro l'ho preferito per alcuni personaggi e visivamente. Spero che il III li affossi tutti e due.

      Elimina
  6. Diciamo che la Trilogia poteva/doveva bastare e che ciò che è venuto dopo va preso molto "allegramente" :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si hanno delle cose da dire in non sono contrario in assoluto a riprendere un marchio forte come può essere quello di Star Wars che potenzialmente ha storie infinite da poter raccontare. Purtroppo non tutte le ciambelle riescono col buco :)

      Elimina