mercoledì 16 settembre 2015

TERRORE ALLA TREDICESIMA ORA

(Dementia 13 di Francis Ford Coppola, 1963)


Nonostante il film (da considerare quasi un esordio alla regia per Coppola) presenti alcune sequenze virate all'horror, non fatevi trarre in inganno dalla locandina di questo Terrore alla tredicesima ora (locandina che alla fine non ho inserito nel post). Siamo nel 1963 e sebbene la pellicola fuoriesca dalla factory di Roger Corman, il taglio della stessa vira in maniera decisa sul versante del thriller gotico con risvolti psicologici. Esperimento di sicuro interesse, in misura ancor maggiore se si considera che Coppola girò il film con pochissimi soldi avanzati da Corman dal budget di un altro film. Stessa location, un paio di attori pescati dal set precedente, resto del cast reclutato in loco (siamo in Irlanda) ai minimi sindacali e via che si va, semaforo verde e carta bianca per il futuro big del cinema mondiale.

Alla fine della fiera Corman poi non sarà così contento dei risultati, farà girare qualche scena in più, aggiungerà un po' di minutaggio ma tant'è... l'esordio alla regia di Coppola è servito. Ma che cosa prevedeva questo film girato in quattro e quattro otto?

Intanto, nella migliore tradizione del gotico, un bel bianco e nero portatore della giusta tensione, sollecitato alla bisogna dagli effetti sonori di maniera atti a destare l'attenzione dello spettatore su passaggi particolari. Alcune sequenze davvero ben girate, compresa un'avvincente ripresa subacquea con protagonista una poco vestita Luana Anders e una trama tutto sommato intrigante, anche se si intuisce facilmente dove si voglia andare a parare.


Louise (Luana Anders) è sposata con John Haloran (Peter Read) e mira all'eredità della di lui madre, facoltosa matriarca degli Haloran. Quando John muore d'infarto, Louise ne occulta il cadavere facendo credere alla famiglia che John è in viaggio per lavoro, questo allo scopo di prendere tempo e convincere la signora, con metodi subdoli, a includerla nel suo testamento. Ma nel tetro castello irlandese dove la famiglia risiede, le cose non sono poi così normali. La signora Haloran (Eithne Dunne) e i suoi due figli Richard (William Campbell) e Billy (Bart Patton) vivono nel ricordo della defunta sorellina Kathleen (Barbara Dowling) annegata nel lago della tenuta ormai da sette anni. Ogni anno la famiglia rievoca il giorno della morte della bambina, tra incubi, svenimenti e inevitabili sensi di colpa.

Louise, intenzionata a sfruttare la morbosa situazione a proprio vantaggio, non sa bene a cosa sta per andare incontro.

Coppola riesce a infondere al film il giusto grado di tensione e, pure se reclutati al risparmio, i componenti del cast sono calati perfettamente nelle loro parti. A mio avviso il film è ben riuscito, gli si rimprovera appunto uno scioglimento di sviluppo un poco prevedibile, la visione comunque risulta più che soddisfacente.


7 commenti:

  1. Lo stesso Coppola non ne parla con molto piacere, dal momento che non apprezzò molto gli interventi di Corman al suo girato. Anche se lo ringrazia comunque per averlo fatto debuttare alla Regia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni caso il risultato mi è sembrato abbastanza intrigante, la classe probabilmente davvero non è acqua :)

      Elimina
  2. Questi film sono da vedere nell'ottica della sperimentazione che ha portato poi all'exploit del cinema di genere. Non è possibile valutare una pellicola dell'epoca paragonandola ai grandi film più recenti. Sono comunque pagine di storia del cinema, tasselli di un meraviglioso mosaico. Lo ha ben capito Tarantino che pesca a piene mani in quelli che venivano definiti allora B Movie. Bel post Firma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Massimiliano, poi, al netto del tempo che è passato dall'ormai lontano '63, l'esordio di Coppola rimane ancor oggi per lo meno interessante, Terrore alla tredicesima ora si conferma film più che dignitoso.

      Elimina
  3. Vedrò di tentare un recupero, considerando che Coppola mi piace particolarmente. *__*
    Penso che troppo frequentemente si tenda a valutare opere artistiche senza tener conto della loro collocazione temporale, cioè non provando neppure a capirne motivazioni e contingenze. A dire che la possibile "ingenuità" di questo film non mi tocca proprio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, è un esordio, il finale è forse intuibile ma il film non è così ingenuo, una visione la merita tutta, poi come dici tu sono d'accordo che tutto sia da valutare contestualizzandolo. Buona visione :)

      Elimina

Dai un'occhiata anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...