domenica 10 febbraio 2013

THE WALKING DEAD - STAGIONE 1


Sta girando bene dalle mie parti per quel che riguarda le serie TV. Dopo la goduriosa prima stagione di Big Bang Theory eccomi di ritorno sulle serie drammatiche, le mie preferite. Un ritorno con il botto, mi avevano parlato benissimo di The walking dead e ammetto che la visione ha confermato le alte aspettative create dal parere di amici e dalla lettura del fumetto dal quale la serie Tv è tratta.
Per gli amanti del fumetto c'è da dire che la serie, pur rispettando l'idea originale di Robert Kirkman, prende quasi da subito direzioni diverse mettendo in gioco personaggi differenti e sviluppi alternativi senza mai tradire la base del racconto, cioè una narrazione fondata sui personaggi, un gruppo di uomini e donne inseriti in un contesto da fine del mondo che si trova a dover affrontare un'epidemia che trasforma gran parte della popolazione mondiale in zombie. Una serie dove l'evoluzione e l'approfondimento dei caratteri viene prima degli scontri con gli zombi che comunque ci sono (e che scontri).

Diciamo che confrontando il poco che ho potuto leggere del fumetto e questa prima serie di The walking dead, la narrazione procede parallela per la durata del primo episodio del serial iniziando a divergere dal racconto stampato già dalla seconda puntata.

Ma di cosa parliamo? Come scrissi per la versione cartacea (mi autocito), l'incipit della storia richiama parecchio quello di 28 giorni dopo di Danny Boyle, l'agente Rick Grimes si risveglia in un letto d'ospedale dopo un periodo d'incoscienza e si trova catapultato nell'orrore di un ritorno al mondo in compagnia degli zombi. Resosi conto della gravità della situazione il protagonista non può che iniziare a preoccuparsi per la moglie Lori e il figlioletto Carl. L'unica cosa che sembra avere un senso è quella di mettersi alla loro ricerca.


Il primo episodio è fantastico, ha la forza di catapultarti in un altro mondo, spaventoso, terribile, privo di speranza e frastornante. L'impiego dei mezzi messi a disposizione dalla produzione è utilizzato al meglio, le atmosfere che si respirano sono impagabili. Rispetto al fumetto alcune scene, alcuni scarti dalla trama originaria, caricano la vicenda di ulteriore tono drammatico, i vari incontri che l'agente Grimes farà durante il suo viaggio non sono mai lasciati al caso o superflui, tutti lasciano lo spettatore con un senso di qualcosa: pena, timore, dolore e in alcuni casi anche di grande gioia.

Il cast dei protagonisti, che crescerà di numero con l'avanzare della storia, è ben calibrato andando a creare un mix di caratteri che sfocia in relazioni interpersonali davvero intriganti, odiando gli spoiler sto cercando di mantenermi di proposito sul vago.

Visivamente la serie è parecchio forte, le scene splatter non mancano e sono di quelle toste per gli standard si un serial tv. Inoltre le scelte alle quali i protagonisti sono costretti non sono eticamente quelle che potrebbe prendere un'educanda. Se si può spendere l'etichetta di serial per adulti credo che The walking dead la meriti senza dubbio alcuno. Sembra l'inizio di un altro di quegli splendidi viaggi capaci di riempirti positivamente alcune ore, un prodotto per la tv capace di svolgere al meglio il proprio compito. Se siete li li per scegliere la prossima serie da guardare/seguire segnate pure il mio voto a favore per TWD.


14 commenti:

  1. Mi sto facendo una mega scorpacciata di tutte le serie attualmente in programmazione..su questa non mi ci sono ancora buttata..ma rimedio subito :)
    Buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, proprio oggi mi dicevano che la seconda serie è ancora meglio.

      Elimina
    2. Eccomi qui...come promesso, mi sono buttata su Walking Dead..proprio ieri sera mi sono vista l'ultima puntata della prima serie..Beh..mi è piaciuta da morire...e ora passo alla seconda serie.
      In realtà sono tanti i telefilm che mi stanno appassionando in questo periodo:
      Scandal, the following, Homeland..e ora anche questo..

      Elimina
    3. Anche io devo iniziare la seconda serie, ora però sono infognato con The Big Bang Theory :)

      Elimina
  2. Eeeehm sai che invece a me non ha entusiasmato tanto? Ne avevo sentito parlare bene anch'io, anzi, benissimo e mi son lasciata convincere a guardarla, ma a parte la prima puntata le altre mi hanno un po' annoiata... ho letto che la terza stagione è bellissima, ma non sono tentata di continuare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hanno parlato in toni entusiastici anche della seconda, io continuo poi magari ti dico :)

      Elimina
  3. A breve guarderò finalmente la prima stagione. Giuro. So che posso farcela :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto commenti, in fondo la prima stagione è composta da sole sei puntate. Puoi farcela!

      Elimina
  4. Una serie che spacca! La prima stagione poi è pazzesca, non vedo l'ora che stasera si ricominci con la terza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono parecchio indietro, non ho ancora iniziato a guardare la seconda.

      Elimina
  5. Vabbè, con me si sfonda un portone aperto. Grandissima serie, e stasera si ricomincia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio sfondare un portone aperto che un cranio necrotizzato (o no?)

      Elimina
  6. L'inizio di un cult, che prosegue sempre meglio ad ogni stagione... e stasera, per l'appuntamente, si ricomincia alla grandissima, non vedo l'oraaa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi state facendo crescere la scimmia sulle spalle :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...