domenica 15 febbraio 2015

COVER GALLERY - WILDCATS

Wildcats 1 - Travis Charest
I primi anni Novanta furono testimoni di un piccolo terremoto editoriale che sfociò nella creazione della Image Comics, casa editrice relativamente giovane ma con una storia editoriale alle spalle ad oggi davvero interessante e che varrebbe la pena approfondire.

In poche parole alcuni di quelli che allora erano disegnatori di punta della Marvel Comics, stufi dei guadagni mal proporzionati rispetto al successo delle testate da loro curate e stanchi di alcuni atteggiamenti un poco dittatoriali da parte della major (royalties non riconosciute, mancati diritti di proprietà sulle proprie creazioni, etc...), decisero di abbandonare il porto sicuro e intraprendere un'avventura tutta nuova.

A capo di questo scisma c'era Rob Liefeld (che in Marvel disegnava X-Force) fortemente spalleggiato da Todd McFarlane (che lavorava su Spider-Man). I due riuscirono a coinvolgere nel progetto anche Erik Larsen, Jim Lee, Jim Valentino, Marc Silvestri e poco dopo Whilce Portacio. I sette disegnatori fondarono l'Image, casa editrice all'interno della quale i creatori mantenevano i diritti delle rispettive creature.

La casa editrice si strutturò in studios indipendenti ognuno dei quali facente capo a un autore (con eccezioni di Portacio che arrivato in un secondo momento si unì allo studio di Lee).

Liefeld aprì gli Extreme Studios lanciando la testata Youngblood, McFarlane fece esordire il suo Spawn all'interno della Todd McFarlane Production, il Savage Dragon di Larsen faceva capo alla Highbrow Entertainment, la Wildstorm Production (forse la sotto etichetta più celebre) produsse i W.I.L.D.Cats di Jim Lee e i Wetworks di Portacio, Marc Silvestri fondò la Top Cow e lanciò la Cyberforce e infine c'era la ShadowLine di Valentino con il suo Shadowhawk.

Poco dopo, grazie all'interessamento della Star Comics, questo materiale arrivò anche in Italia e fu veicolo di tante ore di letture e divertimento. Tra le tante proposte la mia preferita era senza dubbio W.I.L.D.Cats, un po' perché mi ricordavano gli X-Men, un po' perché amavo i fumetti con i gruppi di eroi e infine perché all'epoca adoravo Jim Lee.

Ecco quindi il perché voi oggi vi beccate una bella gallery dedicata ai Wildcats, propongo qui cover di artisti diversi prese dalla seconda stagione della serie, non fosse altro che per la presenza di un autore che all'epoca mi fece impazzire in misura ancora maggiore di Lee: Travis Charest.

Come per gli scorsi appuntamenti e come accadrà nei prossimi, vi chiedo di segnalare le vostre cover preferite (per un massimo di tre) in modo da organizzare un'eventuale mostra virtuale con le migliori illustrazioni proposte nei vari Cover Gallery. Ovviamente il voto è completamente libero, si può giudicare il tratto del disegnatore, la costruzione della copertina, il soggetto, lo stile, l'eventuale citazione, etc..., insomma, quello che più vi piace, non ci sono regole. E magari questo pistolotto ve lo beccherete copincollato tutte le prossime volte, come memento :)

PS: la cover in apertura di post è votabile come le altre.


Wildcats 3 - Travis Charest



Wildcats 4 - Travis Charest



Wildcats 5 - Travis Charest



Wildcats 6 - Travis Charest



Wildcats 9 - Travis Charest



Wildcats 10 - Travis Charest



Wildcats 11 - Travis Charest



Wildcats 12 - Sean Phillips



Wildcats 17 - J. G. Jones



Wildcats 21 - Steve Dillon

25 commenti:

  1. Argomento per me abbastanza complesso , ma se c'è da votare eccomi pronta:Wildcats 10 bellissima, Wildcats 5 non male,Wildcats 3 originale..
    Abbraccio mio caro!

    RispondiElimina
  2. Grande Nella, grazie per aver votato. Anche io pescherei qualcosa tra i lavori di Charest, artista che mi piace ancora davvero parecchio anche se ammetto di apprezzare molto anche l'ultima cover, quella di Dillon, nonostante questo sia solitamente un artista che non mi faccia proprio impazzire.

    RispondiElimina
  3. La n. 4, punk e con il micio rosso astronauta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco bene, vuoi votare per Wildcats 4 e 11 (quella con l'animaletto in tuta d'astronauta rossa?)

      Elimina
    2. Chiapperi, è vero, scusa, intendevo la n. 11 :)

      Elimina
  4. Sono molto belle, ma non c'è nessuna in particolare che mi entusiasmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Charest lo adoravo letteralmente, probabilmente era un artista un po' anarchico (nel senso che tendeva a fare un po' quel che cazzo gli pareva) però di gran talento.

      Elimina
  5. 3, 10 e 12, la 3 e la 12 xchè sono molto originali, e la 10 xchè è elegantemente rock!
    Mi sono spiegato? Spero di sì, non sono mai stato un grande pignolo sulle capacità grafiche dei miei beniamini fumettisti, la qualità della storia viene sempre prima e anche il miglior disegnatore del mondo se dietro non ha un buon scrittore, mi dice poco... . Eresia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, in linea di massima la penso come te però i disegnatori cani riescono ad assestare duri colpi anche alle storie migliori :)

      Comunque ottime scelte, non è che quella rock intendevi la 11?

      Elimina
    2. No, intendevo proprio la 10, il tizio con la pistola vagamente rockabilly, il rosso fuoco, i colori fiammeggianti, la sento molto "rock" come copertina... .

      Elimina
    3. ok, ok, voti registrati allora... :)

      Elimina
  6. P.s.
    Farai un sondaggio simile anche con Dylan?
    Visto che l'unico miglioramento dell'era Recchioni mi sembra si debba più che altro alle copertine, decisamente tra le migliori di sempre di DD e più innovative e originali delle storie che introducono... .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, può essere, sto pescando un po' qua e un po' là, Dylan Dog? Perché no?

      Elimina
  7. Dovessi scegliere direi la prima quantunque le serie dell'Image ammetto di non averle mai seguite, eccetto uno speciale in cui si incontravano / scontravano contro gli X-Men.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo quello speciale, conteneva davvero dei bei disegni, mi piacque molto all'epoca. Voto registrato :)

      Elimina
  8. Per quanto possa piacermi Charest, lo associo solo al tardo periodo wildcatsiano e le sue cover non sono tra le mie preferite (belle le composizioni, ma spesso ha sofferto di un macchiettismo grafica e dopo un po' rende tante sue copertine simili). Forse meglio le roboanti e testosteroniche cover di Jim Lee.
    In ogni caso, tra quelle di Charest, sono da premiare la 1 e la 3.

    P.S.: Mi meraviglio che in questo periodo, dove tanti editori mandano in stampa anche l'ultima cosa che ti verrebbe in mente, nessuno abbia ancora pensato di ristampare quelle serie che hanno segnato la nascita della Image.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo ammettere di apprezzare ancora oggi il tratto di Charest (anche io l'ho ormai perso di vista) mentre spulciando le varie cover di Wildcats quelle realizzate da Lee per la prima serie mi sembrano davvero sorpassate.

      Per quello che riguarda le ristampe stavo pensando esattamente la stessa cosa buttando giù questo post. Insomma, cose valide ce ne sarebbero anche, i Wildcats di Moore, la Stormwatch di Ellis (che forse è stata effettivamente riproposta), chissà...

      Elimina
    2. gli Wildcats di Moore sono stati ristampati in due volumi dalla Magic non tantissimi anni fa. Mi pare che lo Stormwatch di Ellis sia stato ristampato (o in corso di ristampa) in più volumi dalla RW Lion. Quest'ultimo devo dire che non mi è sembrato granché nonostante Ellis.

      Elimina
    3. All'epoca a me non dispiacque, in fondo Ellis stava facendo le prove generali per Authority.

      Elimina
    4. Io ricordo il ciclo di Moore con profonda tristezza. Potrei sbagliarmi ma sembrava una storyline che avrebbe potuto scrivere un pinco pallo qualsiasi. All'epoca pensai che anche lui doveva pagare le bollette :)

      Elimina
    5. Io invece ho dei buoni ricordi della sua run, sicuramente lavoretto alimentare però il suo tocco mi sembrava comunque distinguersi dalle altre cose che offriva il mercato mainstream all'epoca. Poi lui non lo conoscevo ancora così bene e forse ancora non ero ben consapevole di cosa fosse capace. Comunque, anche solo per nostalgia, qualcosa credo che la rileggerei con piacere :)

      Elimina
    6. A dirla tutta neanche i primi due cicli di Authority mi hanno esaltato. Sì, belli, ma il resto di Ellis è molto meglio.
      Io invece trovo che gli Wildcats di Moore non siano affatto male e il suo piglio lo si riconosca (tutto il primo episodio con le battute sui presidenti... i dialoghi fra Overtkill e la cyborg... la rivelazione che la guerra è finita...).
      Mi pare che Moore avesse dichiarato di aver voluto collaborare con la Image perché rappresentarono per gli anni '90 la rivoluzione che la Marvel rappresentò nei '60. Ovviamente anche se l'ha detto non vuol dire necessariamente che i suoi intenti non fossero meramente alimentari.

      Elimina