venerdì 20 febbraio 2015

MADRA... IL TERRORE DI LONDRA

(The night caller di John Gilling, 1965)

Il regista John Gilling vanta una filmografia parecchio nutrita tra le cui opere compaiono diversi film horror realizzati per la casa di produzione Hammer nel decennio dei Sessanta. In Madra... il terrore di Londra le influenze più evidenti arrivano però dalla fantascienza del decennio precedente qui contaminata da atmosfere che fanno capo al thriller e da qualche spruzzatina horror, almeno di quello che poteva essere considerato horror cinquant'anni fa.

Siamo già nel mezzo dei Sessanta, il film presenta un bel bianco e nero d'atmosfera, una regia che riesce a non essere noiosa nemmeno nei momenti riflessivi dedicati alle ipotesi scientifiche, alcune belle riprese notturne della Londra d'epoca e un tema musicale d'apertura niente male. Il film venne distribuito nel 1966 negli Stati Uniti ed è conosciuto anche come Night caller from outer space (forse per sfruttare quell'outer space) o come Blood beast from outer space.

Proprio dallo spazio profondo arriva l'oggetto non identificato rilevato in un osservatorio inglese dai dottori Costain (John Saxon) e Morley (Maurice Denham) e dalla loro assistente Ann Barlow (Patricia Haines). Quello che dai radar sembra un grosso oggetto incomprensibilmente non disintegratosi nell'attraversare l'atmosfera terrestre, si rivela essere un'oggetto sferico dalle dimensioni di poco più grandi di un pallone da calcio. Esclusa la presenza di radiazioni nocive, gli scienziati e l'esercito iniziano a studiare l'oggetto dal quale scaturirà una seria minaccia che insidierà molte giovani fanciulle londinesi.


L'assunto fantascientifico sembra più un pretesto per innestare una trama dove gli elementi principali sono l'indagine e la tensione scaturita dall'ignoto, anche l'uso degli effetti speciali si limita a qualche trucco di scena ben amalgamato nel film ma non così sorprendente. Qual'è la minaccia? cosa vuole di preciso da noi? A chiarire le cose ci pensa un cast ben calibrato che vede tra i protagonisti John Saxon, volto noto anche qui in Italia e caratterista affermato, ben supportato dagli altri interpreti e da una convincente Patricia Haines.

Il film, che in chiusura offre anche l'educativa riflessione sulla violenza che non guasta mai, pur non essendo tra i più noti del filone mi è sembrato più riuscito di altri prodotti simili ben più blasonati, forse proprio per quel miscuglio leggero di thrilling, horror e fantascienza. Crossover.


12 commenti:

  1. Ricordo che ne scrissi per il catalogo di SciencePlusFiction di Trieste nel 2000. Senza averlo mai visto, peraltro. Bei tempi, compilare cataloghi era piuttosto redditizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter fare una cosa simile di mestiere io sarei disposto a guardarmi tutto, mi piace proprio... :)

      Elimina
    2. Per farne veramente un lavoro (ma non so come si possa, mi pagarono bene ma in ritenuta d'acconto) bisognerebbe che ci fosse più di un festival del cinema al mese. Trieste ne ha ma non abbastanza.

      Elimina
    3. Cataloghi a parte pensavo a riviste, portali web... mah, comunque mi sembra una cosa irrealizzabile.

      Elimina
  2. Questo non lo conoscevo proprio. Sembra più un capitolo perduto del Dottor Quatermass.
    P.S.: A proposito, se proprio uno si deve ammorbare a tutti costi con dei remake, io su Quatermass ci farei un pensierino, fossi nella BBC.
    P.P.S.: Nel 2005 ci hanno provato, ma ci hanno provato male. Sai di cosa parlo, vero? Di QUESTO. Vai alla voce cast e vediamo quanti di quegli attori conosci :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ovviamente il grandissimo Dottore (David Tennant) e poi Mark Gatiss ma più che altro lo ammiro tantissimo come scrittore della serie Sherlock (poi interpreta anche Mycroft). Il resto nisba, anche se il volto del primo attore mi è familiare.

      Comunque questo Madra mi è sembrato anche più interessante dei due episodi dedicati a Quatermass che vidi qualche tempo fa...

      Elimina
  3. Mai visto, ma è una di quelle pellicole che tengo segnate ovunque e per motivi diversi non riesco mai a recuperare! Però mi hai convinto con: "'uso degli effetti speciali si limita a qualche trucco di scena ben amalgamato nel film ma non così sorprendente" un po' quello che succede in L'invasione degli Ultracorpi, quindi non potrà che piacermi! Ti farò sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo anche dalle tue parti L'invasione degli ultracorpi lo vidi da piccino, è uno dei must del genere e quindi questo Madra probabilmente sarà qualche gradino sotto però secondo me, soprattutto per chi ama il genere, una visione la vale tutta.

      Elimina
  4. Mai visto neppure io!
    Non so che dire... potrei provare a dargli una change.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vale la pena se sei interessato ai film di fantascienza degli scorsi decenni o se non ne hai mai visto uno per farti un'idea, se il genere invece non ti interessa puoi passare...

      Elimina
  5. Risposte
    1. Quindi l'hai già visto, mi sembra un film effettivamente meno battuto all'interno del suo genere...

      Elimina