lunedì 29 agosto 2011

A-Z: AA.VV. - THE DURAN DURAN TRIBUTE ALBUM

Era il 1997 e all'epoca era ancora possibile noleggiare Cd o averli in prestito con il sistema della compravendita. In quell'anno uscì questo The Duran Duran tribute album e, visto che mia moglie è una fan del gruppo, ce lo procurammo.

In fin dei conti facemmo bene a noleggiarlo perché a mia moglie non piacque e a me che non amavo neanche gli originali nemmeno.

Per la maggior parte dei pezzi ascoltatevi pure gli originali, sicuramente superiori. Comunque originali alcuni esperimenti che girano i brani in chiave pop-punk, ska, metal, etc., etc.

Ecco un paio degli episodi più interessanti. I Reel Big Fish, gruppo ska/punk, prongono la loro versione di Hungry like the wolf.



Gli Eve's Plum rifanno la celebre Save a prayer. Alla voce Colleen Ann Fitzpatrick aka Vitamin C alla quale pare la Mattel si sia ispirata per il design di una delle sue Barbie.



Il disco si fregiava anche di una delle copertine più brutte nella storia della discografia mondiale (è l'immagine nel video degli Eve's Plum).

5 commenti:

  1. Nonostante le mie passioni beatlesiane e blackmetallare, amo e adoro i DD sin dal loro primo album (che conobbi prima della sua pubblicazione in Italia grazie a un mio amico che tornò da londra col loro primo album... era il 1981!) e pur avendo passato un lungo periodo della loro carriera non certo brillante ("Pop Trash" soprattutto... proprio un brutto album), sono una delle band che RISPETTO di più.
    Sono passati dal suonare negli stadi più capienti del mondo ai più miseri club, ma non si sono MAI sciolti. Perché sono una band che AMA DAVVERO la musica.
    La loro rinascita (da "Astronaut" in poi) ha segnato solo bei prodotti, pop-rock di CLASSE (da vendere!!! avercene!!! ce ne fossero!!!), BELLE CANZONI che NON STANCANO.
    Certo, per carità: tutto va "a gusti".
    O meglio: così cercano di impormi le pappemolli di oggi. Io invece credo che ci sia BUONA MUSICA, indipendentemente dal "genere", e cattiva musica. I Duran Duran hanno fatto parecchia buona musica nella loro carriera.

    p.s. questa compila tributo fa schifo in una maniera inenarrabile... è OBIETTIVAMENTE brutta. cattiva musica. (tutto si può rovinare con delle pessime cover, persino i BEATLES!)
    Orlando

    RispondiElimina
  2. @ Morgana: in effetti mi sembra decisamente meglio della maggior parte della roba contenuta nel disco tributo.

    @ Orlando: Bentornato da queste parti. Che abbiamo gusti diversi mi pare ormai d'averlo capito. Per quel che riguarda il valore dei DD come musicisti niente da dire, forse Le Bon non è proprio un mostro (a mio parere, per carità) ma comunque niente da dire.
    Non mi hanno mai fatto impazzire come sonorità, però nel caso caso passassero da queste parti e sarò invogliato da mia moglie ad andare a vederli ci andrò a cuor leggero. In passato non so più quante volte per amore ho dovuto vedere dal vivo Baglioni. Nel caso sarà un grande passo avanti :)

    RispondiElimina
  3. Della serie meglio tardi che mai:
    ho appena scoperto che Tony Hadley, ex frontman degli Spandau Ballet, rivali storici dei Duran Duran, nel 1997 ha pubblicato un album solista che contiene anche questaCOVERdiSAVEaPRAYER. Questa scoperta ha sconvolto la mia percezione dell'equilibrio discografico internazionale.

    RispondiElimina
  4. Eh sì Morgana carissima, oramai la rivalità tra DD e sb è cosa morta e sepolta... anche perché tra le due "band" non c'era proprio paragone! Nel senso che i DD erano una band vera (piacciano o meno, non importa), erano una band che suonava, macinava concerti dal vivo, provavano parecchio, erano musicisti che, tra l'altro, dalla fine degli Anni 70 non hanno mai smesso di suonare.
    Gli Spandau erano il prototipo della "boy band": finti musicisti (dal vivo avevano trentamilacinquecento orchestrali per supplire il loro non essere musicisti), canzoncine fatte per la classifica e, infatti, appena il successo non arrise più, si sciolsero senza indugio.
    Al di là dei gusti, si trattava della rivalità tra una band e un'entità un po' costruita a tavolino, quindi di per sé insincera.
    Poi Tony, negli anni, è diventato un cantante discreto e con ironia ha giocato su questa antica "rivalità" :)
    Baci cricetosi!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...