domenica 6 marzo 2016

TARTARUGHE NINJA

(Teenage Mutant Ninja Turtles di Jonathan Liebesman, 2014)

Film per soli nostalgici? Non saprei, forse si, nel mio caso sicuramente no. Pur avendo infatti diversi ricordi del fenomeno Teenage Mutant Ninja Turtles all'epoca della loro invasione dell'italico stivale, ammetto di non essere mai stato un fan delle quattro tartarughe (e men che meno del loro mentore topastro). Per quel che concerne il film mi è sembrato di leggerne in giro opinioni contrastanti, quella del vecchio fan che ritrova in questo film il giusto spirito dei personaggi, coerente alla loro versione originaria, e quello del profano che lo bolla come un noioso blockbuster fracassone senza capo ne coda. Che la verità stia nel mezzo? A mio avviso Tartarughe Ninja è un discreto passo in avanti rispetto al precedente TMNT, l'estetica delle tartarughe, non così semplice da portare sullo schermo, è abbastanza convincente, il respiro è effettivamente quello del blockbusterone dalla mega produzione (e produce Michael Bay) e i momenti meglio riusciti sono i siparietti comici (la scena dell'ascensore) e la sequenza action sulla neve.

Il punto di vista di Liebesman sulle tartarughe è una visione d'insieme che, a differenza di quel che accadeva in TMNT, non mette nessuna delle quattro creature sotto i riflettori ma tratta il quartetto come corpo unico, tra l'altro senza divagare su approfondimenti superflui (che magari quelli con un Batman li puoi pure fare se ti chiami Nolan, se no, con quattro tartarughe in mano magari anche no). Tutte le digressioni che il film si concede, principalmente sui cattivoni di turno, sono stereotipate e scontate, risulta quindi azzeccata la scelta di guardare in maniera spiccia alla trama e alla spettacolarizzazione. Per il resto non ci sono sorprese ne grandi motivi di interesse nello svolgimento della vicenda, c'è una Megan Fox molto carina nei panni di April O'Neil, piacevole da guardare, forse un pelo meno da veder recitare ma per il tipo di film che è Tartarughe Ninja ci si può pure accontentare, c'è uno Shredder (Tohoru Masamune) che sembra un piccolo Transformers all'apparenza inarrestabile e una Whoopi Goldberg ingrassata oltremisura.


La trama possiamo anche accantonarla e metterla da parte, insomma, i cattivi hanno un piano malvagio da portare a termine che potrebbe mettere a repentaglio molte vite, alle tartarughe questo non piace e cercano di porvi rimedio. Il tutto passa sotto gli occhi della bella giornalista che da principio tutti prendono per pazza e poi bla bla bla bla. Ah, ancora non l'ho detto, le tartarughe si chiamano Donatello, Raffaello, Leonardo e Michelangelo come i più famosi artisti italiani del Rinascimento. Poi cosa? Si, devo dire almeno una volta Cowabunga! e forse citare la pizza (ottima occasione di product placement). C'è altro? No, direi di no.


13 commenti:

  1. Quindi t'è piaciuto?

    a me ha fatto cagare, detto da fan della prima ora della prima serie animata del 1987 che negli anni ha riscoperto la versione originale tramite i fumetti originali (e la serie 2003 molto fedele alla fonte cartacea) e che per ora segue con interesse la nuova serie 2012 (un passo indietro nelle atmosfere e nel target, ma capace di piccoli pugni allo stomaco anche per lo spettatore più grandicello).

    Ah sì, seguo anche la nuova serie a fumetti della IDW e mi piace abbastanza (penso di essere uno dei 10 che la compra in italia xD), quindi non ho problemi con versioni alternative delle Tartarughe, ma proprio il film si pone "male", infantile e senza il minimo spunto... un'occasione persa!

    RispondiElimina
  2. Uè, uè calma... mi è piaciuto? Avrei preferito non vederlo, altro che mi è piaciuto :) In realtà l'ho solo trovato un pelo meglio del tentativo in CGI di qualche anno fa. È un blockbuster abbastanza azzeccato dal punto di vista visivo, che punta sull'azione e che fallisce nelle altre sequenze, di scarso interesse ma che assolve al compito di intrattenere i più piccoli per una serata, alla fin fine quando guardi qualcosa con e per i bambini non sai (quasi) mai se la serata andrà a buon fine o meno. A mia figlia è piaciuto abbastanza, io l'ho solo trovato meno peggio dell'altro. Piaciuto è un parolone infinitamente esagerato :)

    RispondiElimina
  3. il film in CGI aveva dei buoni spunti tipo la lotta tra fratelli, la famiglia divisa e anche una discreta CGI (il riferimento per gli umani era "Gli Incredibili"). Sviluppato male, forse troppo frettoloso, ma se ricapita lo rivedo volentieri (e lo rigioco, visto che il gioco era anche un discreto platform/action game che espandeva alcune cose del film)

    Qui hanno sbagliato tutto, credo... dalla fisionomia delle Tartarughe (orribili in faccia!) a personaggi tagliati con l'accetta e senza il minimo carisma (dovuto anche al fatto che ci sono stati ripensamenti sulla trama in post-produzione, tipo Shredder che non è Oroku Saki/Erin Sacks), location BOH (sembrava che tra NY centro e NY periferia ci fossero emisferi di differenza, visto che prima era notte, poi giorno... e poi c'era la neve e la scena dopo April era con la camicetta!) con l'aggiunta del siparietto rosa per cui Vernon (VERNON! CRIBBIO!) sbava in un angolo per April come se fosse un liceale azzerbinato!

    Guarda, salvo solo April perchè Megan Fox è la quintessenza della faiga e più me la mostrano e più sono contento :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sull'ultimo punto, la Fox è una bella figliola (se non ne valutiamo le doti attoriali), per quel che riguarda l'esito visivo delle tartarughe ammetto che a me è piaciuto, mi sembrano ben riuscite così come la sequenza action sulla neve. Il precedente film in CGI l'avevo trovato più noioso di questo e i tentativi di approfondimento (a scapito dell'altra metà del gruppo) abbastanza raffazzonati, per carità, è vero che qui non ci sono neanche quelli, è solo che non so quanto sia possibile fare questo tipo di discorso con questi personaggi, magari per chi li conosce meglio di me lo è.

      Per chiudere credo che non riguarderò mai ne questo ne quell'altro :)

      Elimina
  4. Capisco quello che dici... Oggi credo che gli manchi molto per essere "utile al cinema".
    Penso che il prossimo capitolo sarà molto più spassoso e interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le potenzialità, produttive e tecniche, a mio avviso ci sono. Visivamente siamo già a un buon livello, affinando ancora qualcosa si potrebbe arrivare davvero in alto. Bisognerebbe che qualcuno ben intenzionato si sedesse a tavolino per scrivere una buona storia, non conoscendo così bene il mondo delle TMNT non so bene che bagaglio di potenzialità si portino dietro e quanto margine di sviluppo possa esserci in questo progetto. Magari se ne ha voglia potrebbe darci due dritte Andrea sui possibili sviluppi. Quello che sto pensando è questo: la Marvel ad esempio ha a disposizione ottimo materiale di base per mettere in porto decine e decine di film potenzialmente ottimi o molto buoni. Qui questo potenziale esiste?

      Elimina
  5. Sono la vecchia nostalgica del vecchio cartone e del vecchio film, a cui questa roba nuova non piace troppo... Immagino che gli effetti speciali siano migliori, ma, secondo la mia misera opinione, l'anatomia delle care vecchie tartarughe ninja si è andata un po' a far friggere... COWABUNGA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente nel cuore degli appassionati i vecchi cartoni resteranno inarrivabili, questo nuovo look però a me non dispiace. Ma dimmi un po', sei proprio quella Uapa che passava di qui tempo fa a commentare il Bradi Pit? Se si, bentornata mi fa un sacco piacere risentirti. Se no, allora benvenuta e torna a trovarmi :)

      Elimina
    2. Yeee ^^ sono proprio io, ogni tanto resuscito XD Grazie e bentrovati :-)

      Elimina
  6. dicevo che mi fischiavano le orecchie xD

    guarda di materiale "esplosivo" le Tartarughe ne hanno in abbondanza (la saga spaziale con Fugitoid contro i Triceraton, Città in guerra solo per citare due saghe del fumetto originale all'opposto come temi, fantascientifica la prima e underground la seconda).
    Ma IMHO non è neanche questo il punto, perchè in 3 decenni di vita editoriale le varie incarnazioni hanno visto così tante variazioni sul tema che non c'è una sola fonte cartacea da seguire, anzi, avrebbero più possibilità di scelta. Solo che a questo giro hanno fatto proprio le scelte peggiori!

    Il punto è che quando sbagli così grossolanamente la nemesi delle Tartarughe (sbagliare Shredder è come sbagliare Joker in un film di Batman per dire...) sbagli in partenza e ti cola a picco tutta l'impalcatura!
    Purtroppo credo che ormai in questa linea narrativa ci sia poco da fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se il materiale di base c'è, mai dire mai. Non è detto che in futuro non possa esserci uno dei tanti reboot e che questo possa risultare riuscito. Si aspetta e si spera :)

      Elimina
  7. Per carità! Non sopportavo il cartone da bambino trovandolo stupido, non guarderò mai un film ispirato alle tartarughe mutanti :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, per ora possiamo pure dire che non ti perdi nulla, in futuro chissà :)

      Elimina