giovedì 10 marzo 2016

ZOOTROPOLIS

(Zootopia di Byron Howard e Rich Moore, 2016)

Altro centro per la Walt Disney Animation Studios che con il suo cinquantacinquesimo classico torna a raccontarci una storia con protagonisti gli animali antropomorfi che tanto hanno dato in termini di prestigio all'azienda di papà Walt. non solo quindi paperi e topi, non solo Paperopoli e Topolinia ma anche volpi e conigli e il fantastico mondo di Zootropolis, l'utopica città dove predatori e prede convivono finalmente in grande armonia.

E Zootropolis (la città, non il film) è davvero un mondo fantastico, concettualmente ma anche visivamente, per lo spettatore e per la piccola protagonista Judy che la vede per la prima volta in vita sua. Sceneggiatori e animatori hanno avuto delle buone intuizioni portate tecnicamente sullo schermo in maniera superba. Affinché Zootropolis, città amministrata dal leone e sindaco Leodore Lionheart, possa essere quell'utopico luogo d'appartenenza per ogni specie animale è di conseguenza costruita in maniera che ogni suo quartiere possa rispecchiare le caratteristiche di un diverso habitat naturale. I suoi mezzi di trasporto accompagnano lo spettatore dai ghiacci polari alla foresta pluviale, dagli spazi urbani a quelli pensati per gli animali di piccola taglia.

Mentre il titolo italiano Zootropolis richiama il concetto di città degli animali, l'originale Zootopia vola più in alto abbracciando l'idea che sta dietro il luogo fisico, l'utopia di una convivenza pacifica con il diverso, con chi è altro da noi, insieme a quello del pregiudizio è questo il grande tema trattato dal film. Come sempre poi c'è il classico motto del credere in se stessi, del se vuoi lo puoi, del puoi essere tutto ciò che ti piace, etc...

Ed è proprio la coniglietta (no, non di Playboy) Judy a voler diventare la prima poliziotta coniglio di Zootropolis, ruolo solitamente ricoperto da rinoceronti, leoni, bufali o ghepardi. Proprio lei, cresciuta in campagna e destinata alla coltivazione delle carote. Ma Judy è tosta, supera gli esami all'accademia e ottiene l'agognato posto in polizia dove Capitan Bogo, un bufalo, l'assegna alla... direzione del traffico cittadino, nonostante in città ci siano diverse indagini pendenti su ben quattordici casi di predatori scomparsi.


Durante l'espletamento delle sue funzioni Judy incontrerà la volpe Nick, piccolo truffatore che involontariamente le fornirà un indizio per avviare la ricerca del Signor Ottenton, una donnola scomparsa e uno dei casi insoluti a carico del dipartimento di polizia.

Dna da buddy movie con derive poliziesche, Zootropolis si rivela un film pieno di spunti (tutti potenzialmente buoni per futuri sviluppi), grandi doti comiche (applausi a scena aperta e standing ovation per il bradipo Flash) e possibilità illimitate di esplorare zone e quartieri di una città affascinante sin dalla sua prima apparizione. Ormai il comparto tecnico, che sia Pixar o Disney, è più che rodato e difficilmente delude, qui poi ci sono parecchia inventiva, tanta fantasia e una bella storia. Certo Zootopia non è un capolavoro come Inside Out, però è un film che merita sicuramente la visione al cinema. E poi quella in dvd, poi magari quella in tv, poi...

PS: da non perdere le varie citazioni che qui non voglio spoilerare, davvero spassose!


10 commenti:

  1. Oh mi ispira moltissimo *__*
    Piccola polemica sul titolo: ma perché non di rado traduciamo/seviziamo i titoli senza necessità alcuna??? o.O Non sarebbe stato più significativo Zootopia? Perché Zootropolis non è neppure una traduzione in italiano -_- Sarebbe stato troppo azzardato lasciare l'originale, magari poi qualcuno ci pensa su...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In linea di massima per quel che riguarda la traduzione in italiano di titoli esteri si è visto di molto peggio. In questo caso non riesco a capire se ci sia la convinzione che lo spettatore italiano possa far fatica ad afferrare concetti per noi all'apparenza semplici. Sicuramente è più facile che la gente associ a un titolo l'idea di una metropoli, piuttosto che il concetto astratto di utopia. Potrebbe essere stata una scelta dettata anche dal fatto che il target primario di riferimento fossero i bambini che sicuramente hanno più facilità a capire cos'è una metropoli (cosa fisica) piuttosto che un'utopia (idea astratta). In realtà dovrebbe essere la stessa cosa per gli americani eppure... comunque come dicevo abbiamo visto di peggio.

      Elimina
  2. Bellino bellino bellino, e le citazioni sono davvero una piccola chicca cinefila.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citazioni fantastiche, anche quelle alle serie TV ;)

      Elimina
  3. Con Teo dobbiamo andare a vedere sia questo sia Kung Fu Panda 3. Abbiamo capito subito che Zootropolis era bello divertente. La storia dei bradipi fa ridere già nei vari trailer (e qui ci vorrebbe proprio una citazione da parte del Bradi Pit).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, è proprio come vedere il Bradi al cinema :) Comunque anche noi siamo in attesa di Kung Fu Panda 3.

      Elimina
  4. Proprio carino, è vero. Uno dei film d'animazione più carini dell'ultimo periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai almeno tutte le case di produzione di un certo prestigio si sono attestate su livelli molto alti, nell'animazione il film brutto rischi di pagarlo caro (a livello di perdita in soldoni), quindi l'impegno è sempre massimo.

      Elimina
  5. Come ho scritto un paio di settimana fa, credo proprio che la Disney stia vivendo un nuovo Rinascimento. Ottimo film e ottime tematiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente un buon momento per l'animazione, non solo Disney

      Elimina