sabato 14 dicembre 2013

VIAGGIATORI NELLA NOTTE

Prende finalmente corpo fisico l'oceano di parole e sudore proposto da Federico Bartolo sulle pagine virtuali del suo Dustyroad. Prende corpo su carta e forma alternativa su e-book grazie anche all'impegno della scimmia più cattiva del web (ma sarà cattiva davvero? A me sembra tanto una brava persona!) . L'amalgama dell'inventiva di Bartolo e della dedizione di The Evil Monkey è riuscita a trasformare in un libro, Viaggiatori nella notte, i vari racconti comparsi a loro tempo sul blog del Bart, racconti legati l'uno all'altro dalla passione per la musica e dall'importanza che la stessa può avere sulla crescita e sulla formazione di ognuno di noi.

Lascio allo stesso coordinatore l'onere di presentare l'opera alla quale spero tutti voi vogliate concedere un po' del vostro tempo e la giusta attenzione.



C’è una cosa che mi fa paura del web.
La mancanza di memoria.
Ed è strano, perché a pensarci bene internet nasce proprio per condividere, memorizzare, immagazzinare incredibili quantità di dati, informazioni, immagini, suoni.
Alla fine il flusso costante di idee, notizie, novità è talmente incessante che non si riesce più a distinguere il bello dal brutto, l’utile dal superfluo; quello che cerchiamo da quello da cui fuggiamo.
E si finisce inevitabilmente per relegare la maggior parte di ciò in cui ci si imbatte in qualche remoto angolo di Google, tra le pagine vecchie, tra le news sorpassate, i vecchi post di Facebook o i “tweet” della scorsa settimana.
Perchè questo così decantato “web sociale” vive solo del presente; sul filo del minuto, sulla diretta condivisione dell’ ultimo attimo vissuto. Che, appunto, dura un attimo. Poi scompare.
Credo che sia questa la vera molla che mi ha spinto a proporre a Bart, l’autore di Viaggiatori nella Notte, qualcosa di diverso.
Che non fosse solo il post disordinato su un blog aggiornato quando la frenesia della vita reale ce lo consente. Qualcosa che potesse lasciare una traccia, proiettare un’ombra. Qualcosa che esistesse, a prescindere dalla connessione internet.
Qualcosa di cui fosse facile conservare memoria.
Il mondo di Bart, fatto di blues, di migrazioni, di diseredati e perdenti è permeato di memoria. Quella memoria che si rafforza nel perenne rituale delle 12 battute del blues, capace di raccontare le storie di antenati distanti nel tempo ma vicinissimi nello spirito. Vicini nell’America degli anni ’20, come nell’Italia degli anni ’10. Un ponte ideale che collega due stirpi differenti di sconfitti, ma non arresi.
Sconfitti dalla politica, dall’economia, dalla grande finanza e, perché no, dall’onnipotenza tecnologica.
Non arresi, perché il blues non può arrendersi. E’ come il pugile costantemente sull’orlo di crollare ginocchia a terra; ma che resta, in storto equilibrio, sempre in piedi.

Così nasce il progetto Dustyroad prima, Viaggiatori nella Notte poi. Un libro di racconti interamente trascritto dai post degli ultimi anni del blog di Bartolo Federico. Una tortuoso viaggio per le vecchie, polverose strade del blues. Quelle che non sai mai a che incrocio di portino, ma che sei sicuro, prima o poi, ti metteranno faccia a faccia con i tuoi personalissimi demoni.

Non interpreto questo libro, la piccola parte che ho avuto in esso, come un regalo all’autore, ai blogger amici che ci stanno supportando o ai lettori.
L’ho fatto per me, lo ammetto. In un momento particolare in cui avevo bisogno di dimostrarmi che sì, si può anche fare qualcosa di completamente disinteressato; dove soldi e visibilità non c’entrino, nei limiti del possibile, per nulla. Dove il tempo di uno scrittore come Bart sia finalmente fissato su carta e non scorra via disperdendosi in mille rivoli disperso per la rete.
Chissà se ci siamo riusciti.
Ad ogni modo, ne è sicuramente valsa la pena.

La versione cartacea è disponibile su Lulu (clicca qui).

Il prezzo è il minimo consentito, nessuno ha margine di guadagno… Ma se siete interessati, ditemi qualcosa prima, forse abbiamo possibilità di recuperare qualche copia gratuita…

La versione digitale è disponibile, gratuitamente, cliccando qui

Detto questo, ho l’obbligo di ringraziare sinceramente l’illustratore del volume, Giovanni Lo Re, Badit per gli amici del suo blog. E’ lui che ha realizzato e ci ha donato tutte le illustrazioni del libro.
E devo anche ringraziare i blogger che hanno dimostrato interesse nel progetto!

E adesso la parola al blues!

9 commenti:

  1. io mi commuovo sempre,come un blues.ciao

    RispondiElimina
  2. Bravo Firma ;)
    (no, sono breve, qui, perché lo scrittore non sei tu.. mi manca il coordinatore, poi credo di aver detto tutto)
    (no, poi magari dopo averlo letto mi verrà da dire qualcos'altro)
    Cia'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il coordinatore è The Evil Monkey :)

      Elimina
    2. sì sì.. è l'unica cosa che avevo capito ;)

      Elimina