domenica 8 luglio 2012

LA GUERRA DEI MONDI

(The war of the worlds, di Byron Haskin, 1953)

Vede la luce nel 1953 per la terza volta lo scontro tra umani e marziani per il controllo del pianeta Terra concepito in origine da Herber George Wells. Pubblicato originariamente in forma di romanzo nel 1897, La guerra dei mondi aveva goduto già di una prima trasposizione nel 1938 come sceneggiato radiofonico. Adattato in questo formato dal quasi omonimo Orson Welles, la storia creò scene di panico tra il pubblico americano talmente era resa in maniera credibile nella sua narrazione radiofonica.

Nel 1953 arriva anche l'adattamento per il cinema a opera di Byron Haskin con il fondamentale contributo degli ottimi effetti speciali che valsero alla pellicola il premio Oscar in questa categoria l'anno seguente.

Ottimi sono infatti per l'epoca l'uso degli effetti speciali e del colore. L'invasione degli alieni da Marte nella tranquilla provincia americana è resa nel migliore dei modi possibile, i Tripodi (che qui non presentano le classiche tre zampe meccaniche ma si muovono su raggi magnetici) non hanno nulla delle tante soluzioni arrangiate e posticce riscontrabili in molti film datati. I primi contatti tra la razza umana e i marziani ci mostrano l'arrivo di esseri temibili e inquietanti, stessa maestria usata nelle scene di grande distruzione realizzate anche queste senza grosse sbavature. Qualche problemino nei momenti di incenerimento di cose e persone da parte degli alieni ma è solo un piccolo particolare.

La storia prende da subito, una voce narrante fuga dall'inizio tutti i nostri dubbi. Esseri provenienti da Marte vogliono la nostra Terra. Arrivano sul nostro pianeta all'interno di meteoriti che col tempo si schiudono rivelando all'interno i temibili Tripodi meccanici (e appunto in parte alimentati da raggi magnetici in questa versione, personalmente preferisco la versione meccanica). L'impatto vicino a una cittadina della California viene seguito da vicino dalle forze dell'ordine e dallo scienziato Clayton Forrester (Gene Barry), casualmente a pesca da quelle parti. La potenza di fuoco dell'esercito americano riuscirà a contenere l'avanzata dei tripodi? O forse potrà farlo la scienza del professor Forrester o la fede del pastore Collins (Lewis Martin)? Ovviamente non sarò io a dirvelo e a rovinarvi la sorpresa.

Lo schianto in California sarà solo la testa di ponte di un'invasione senza confini orchestrata in maniera egregia per quello che poteva essere un ottimo blockbuster degli anni '50.

I tripodi alla conquista della Terra

19 commenti:

  1. Secondo me alla fine Forrester, Collins e l'esercito americano si ammazzano a vicenda e i Tripodi, per non avere i piedi in due scarpe, fanno sei mesi all'anno sulla Terra e sei mesi su Marte.

    RispondiElimina
  2. Un vero cult, visto e rivisto.Ma non ne fecero anche un pessimo remake qualche anno fa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Spielberg e Tom cruise, però io l'avevo trovato in parte passabile. Meglio comunque l'originale.

      Elimina
    2. Pessimo remake? Ti riferisci al film con Tom Cruise? A me piace molto :-)
      L'originale l'ho visto circa 15 anni fa. E' giunta l'ora di rivederlo... ma il mio amico µTorrent mi sta dicendo che ci vogliono 19 ore per scaricarlo, quindi lo vedrò domani.

      Elimina
  3. Secondo me il remake non faceva proprio schifo, ma questo è un'altra cosa, lo amo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il remake non lo ricordo in maniera precisa. Se non erro mi era piaciuta parecchio la parte iniziale e la resa dei tripodi. Poi una parte l'avevo trovata un po' floscia e non ricordo se era il finale che avevo trovato deludente o, più probabilmente, la parte centrale forse più sentimentalhollywoodyana. Nel complesso passabile, poi a me Tom Cruise non dispiace affatto.

      Elimina
  4. Mi è sempre oltremodo difficile confrontare l'originale con i vari remakes...alla lontana vince sempre il primo!

    RispondiElimina
  5. Grande film, intramontabile..anche a me il remake non era dispiaciuto..ma l'originale è l'originale.
    Buona serata :)

    RispondiElimina
  6. Beh, se al remake spielberghiano togliete i due ragazzini che uno si augura vengano inceneriti dai marziani nei primi cinque minuti d'invasione, resta un remake ben più che dignitoso.
    Pazienza per Tom Cruise, ormai quello sta dovunque, più o meno come Will Smith o Nicholas Cage.
    Quanto al film del 1953, è parecchio che non lo rivedo. Eppure il dvd è là, forse ancora chiuso nel cellophane.
    Il romanzo lo lessi tipo, vent'anni fa: molto, molto ben scritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, il romanzo mi manca, potrei tentare il recupero.

      Elimina
  7. Un grande classico. Stupendo. Pensa che io ho in DVD sia la versione classica che quella rimasterizzata a colori. Film di altri tempi, come direbbero i vecchi.

    E comunque in effetti il remake di Spielberg non è male, eh. Rende bene parecchie scene spaventose. Sarebbero da tagliare a piè pari il finale (ma proprio che te lo devi dimenticare) e anche alcune scene "ammerigane yè yè" tipo l'insulso volere improvviso e ingiustificato del figlio di Cruise che vuole a tutti i costi combattere gli alieni con l'esercito ammerigano yè yè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ora mi torna alla mente qualcosa con l'accenno al figlio. Però visivamente non era male questa versione.

      Elimina
  8. grande film! nel remake anche io avrei soppresso subito senza pietà i due ragazzini!

    RispondiElimina
  9. La bambina (Dakota Fanning) ha un ruolo importantissimo nel film: spesso le sue reazioni fanno spaventare più dei tripodi :-)
    E poi c'è Tim Robbins: anche il suo personaggio è alquanto inquietante.

    RispondiElimina
  10. ehilà, sono nuova in questo blog, ma ti faccio i complimenti, vedo che hai recensito la versione originale cinematografica del romanzo di Welles, io ho visto quella di spielberg e mi è piaciuta, cercherò di recuperare l'originale ovviamente, complimenti per il blog, se vuoi puoi trovarmi qui http://lafabricadeisogni.blogspot.it verrò spesso a trovarti ciaoooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, grazie mille. Passa quando vuoi sei la benvenuta. Ora vengo a farmi un giro dalle tue parti.

      Elimina
  11. sei benvenuto anche da me un abbraccio ^^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...