martedì 14 maggio 2013

SETTIMA PIAGA: LE VESPE

E così siamo a sette, numero di certa valenza esoterica mi par di ricordare. Dopo le tasse, le api, le farfalle, i vermi, il ghiaccio e il cane a sei zampe è la volta della settima piaga: le vespe.

Inizio a pensare che in casa mia ci sia qualcosa che non va. Forse lo spirito errante di un entomologo ivi precedentemente deceduto in circostanze misteriose e, se così fosse, porca troia mi hai veramente rotto i coglioni. Perché non te ne vai affanculo da un'altra parte?

Che poi uno quando torna a casa da lavoro, un lavoro a dirla tutta non esattamente esaltante, dopo aver fatto più di 30 km ad andare e 30 a tornare, dopo aver preso bus, metro, treno e porcatroia navetta aziendale vorrebbe magari non avere ulteriori rotture di palle. Vabbe', non si può aver tutto dalla vita e forse qualche piaga ogni tanto la si può pure sopportare, nondimeno ne ho pieni i cabbasisi come direbbe Montalbano.

Insomma entro in casa, do' un'occhiata a cosa c'è in frigo e in freezer per vedere un po' cosa far da mangiare per la sera, accendo il pc per dare un'occhiata al blog. Sento un ronzio provenire dalla finestra chiusa. Che palle, un moscone! Il ronzio continua, vado a controllare. Non era un moscone bensì una vespa. Strana prospettiva però, c'è qualcosa che non torna. Ecco, è fuori dal vetro, dal doppio vetro, ecco cos'è. Si, ma come cazzo fa a sentirsi il ronzio così forte allora? E come ha fatto a superare la zanzariera esterna? Ronzio, ancora. Cazzo ce n'è un'altra e questa è dentro, ecco cosè! Ora se apro la finestra però mi entra in casa anche l'altra magari. Vabbè, fanculo, mi aiuto con la scopa. Vado in cucina, faccio per uscire sul balcone, un'altra! Agonizzante vicino alla porta, sono tre, due in casa. Come sono entrate che porte e finestre sono state chiuse tutto il giorno? Come? Torno in sala un po' inquieto, guardo in terra, un'altra agonizzante. Faccio uscire quelle vive e mi sbarazzo delle agonizzanti. Inizio a essere un po' impanicato, queste sono da qualche parte all'interno della casa, non può essere una combinazione.

Nel frattempo arriva in aiuto anche mio padre che per ste' robe e sempre sul pezzo, mentre il ronzio ricomincia. Ancora un'altra più in forma che mai. Ed eccone un'altra in perfetta forma e un'altra morta. Aaargh! Che cazzo sta succedendo, come me ne libero? Panico da cittadino, ho visto la famiglia punta dalle vespe, panico, dove cazzo hanno fatto il nido? Probabilmente nel cassettone della tapparella, è l'unica. Dopo aver preparato un composto di birra e zucchero che dovrebbe attirare le vespe (i fratelli Winchester ci fanno una pippa), abbiamo smontato per ben due volte il cassettone ma senza risultati. Tutto pulito, niente nidi, vespe nelle altre stanze nulla, da fuori non possono essere arrivate, cosa è successo?

Ore 22.24, la situazione è tranquilla, non si sono viste altre vespe. Sono finite? Da dove sono venute? Sono in agguato? Ma soprattutto, quale sarà l'ottava piaga?

13 commenti:

  1. Ahahahaha ! Ho le lacrime agli occhi dal ridere...guarda...le vespe son tremende...io non so come sia successo, ma una volta me ne sono trovata una nel calzino. Il bello è che quel calzino era fresco di bucato e anche ben piegato. vado per infilarmelo, e mi sento pungere..sono saltata dal dolore..la vespa poi è finita nel water..è lì che l'ho buttata dopo aver rigirato il calzino...
    Quanto alle tue misteriose vespe...che dire ?? Vespe aliene ??? Vespe fantasma ?? Bruno Vespa ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, la soddisfazione di buttare Bruno Vespa nel cesso sarebbe stata impagabile :)

      Elimina
    2. Ahahahaha..hai ragione ;)

      Elimina
  2. Aaaaarrrghhhh io ho un terrore dannato delle vespe!!!!
    Ammazzale tutte!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di averle debellate in maniera definitiva.

      Elimina
  3. Non è che stai leggendo il Necronomicon, o la tua casa sorge su un antico cimitero azteco?...
    Cacchio è il Cane a sei Zampe? Quello dell'Eni?...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio lui e penso ormai che s', sorga proprio da quelle parti :)

      Elimina
  4. Evvabbè, ma qui ci va una gita a Lourdes :D

    La vespe sono un problemone, si. Comunque se trovi un nido puoi tranquillamente chiamare un apicultore qualsiasi che ti risolve il problema in pochissimo tempo. Però se ne hai trovate in tutto tre o quattro, è possibile che siano state attirate da qualcosa o che fossero in procinto di fare il nido da qualche parte lì vicino.

    P.S.: Il tuo post della piaga del cane a sei zampe poi me lo vado a rileggere con calma, perché ultimamente anch'io ho avuto un bel problemino con quel cane lì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cane dovrebbe essere sistemato definitivamente e la situazione pacificata. Le vespe erano più sette/otto, un po' strano visto che porte e finestre erano chiuse tutte quante. Speriamo.

      Se hai problemi col cane il mio consiglio è quello di non affidarti al call center ma di andare direttamente in un punto Eni.

      Elimina
  5. Accipicchia!
    Perché non provate ad avvicinare una sigaretta accesa nel cassettone della tapparella?
    A volte le vespe non si muovono e rimangono rintanate anche se gli si danno le botte, ma col fumo escono subito, così avreste la quasi certezza che non sono lì.
    Comunque i vespai in genere non sono così grandi, quindi se hai tenuto sotto controllo tutte queste vespe il numero deve essere quantomeno notevolmente ridotto.
    Cerca di tenere sotto controllo le altre... In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora son passati due giorni e non s'è più avuto traccia di vespe/api e simili. Spero (e tocco ferro nel frattempo) che la settima piaga sia scongiurata. Speriamo...

      Elimina
  6. Magari la prossima volta sarai più fortunato e la tua casa subirà un’invasione di coccinelle, come è accaduto a me un paio di anni fa. Il guaio è che poi fatichi un po’ a farle uscire tutte. Non puoi mica uccidere degli insetti carini e pacifici come le coccinelle, anche se vederne tante tutte insieme fa abbastanza impressione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei preferito le coccinelle, ne sono abbastanza convinto.

      Elimina